Fabrizio Nevola da Napoli a Parigi: «Gomorra apripista per tutti i set»

ARTICOLI CORRELATI
di Rossella Grasso

È in tutti i cinema francesi «Taxi 5», film prodotto da Luc Besson e diretto da Franck Gastambide che vede tra i protagonisti l’attore partenopeo Fabrizio Nevola al fianco di un altro napoletano doc come Salvatore Esposito. I due interpretano la banda degli italiani che sbarcano a Marsiglia per rubare un prezioso diamante. In Francia il film ha avuto un grandissimo successo ai botteghini tanto che si attende l'uscita anche in Italia del Film. «Siamo due bravissimi piloti – spiega Nevola – e ci esercitiamo a bordo di Ferrari e Lamborghini. Io sono Rocco, il braccio armato della banda, un personaggio molto cattivo. I toni del film sono quelli della commedia, quindi gioco molto sulla comicità, sono un cattivo un po’ buffo, non stereotipato». Nevola ed Esposito non si conoscevano prima di questo set. «Ci siamo subito trovati, abbiamo tanti punti in comune come approccio sul lavoro fatto di studio, sofferenze, sacrifici, abnegazione, e anche gli stessi modelli. Entrambi veniamo da una Napoli di provincia, da famiglie non borghesi».
 

Nei momenti di pausa, Nevola e Esposito hanno avuto anche l’occasione di confrontarsi con Besson e scattarsi un selfie. «Persona molto disponibile e alla mano, uno che vede questo lavoro in maniera pratica come sono i grandi maestri, molto semplice. Quando stai lavorando con lui, si comprende che è interessato a te per il bene del prodotto. Sul set ci ha quasi coccolati». È stata quella l'occasione in cui i due attori napoletani hanno scoperto la grande passione del regista e produttore francese per la fortunata serie di Gomorra. Ed è proprio per questo che la produzione ha deciso di su due napoletani nel ruolo dei cattivi. «Gomorra ha aperto la possibilità a molti attori napoletani di partecipare a prodotto internazionali perché il brand ha sdoganato la qualità della recitazione della classe attorale nostrana». In «Taxi 5» non si capisce che i due attori sono napoletani e il film ironizza sulla criminalità, sviando il clichè che per mesi ha visto Gomorra al centro di polemiche. 
 
 
 
Non è la prima volta che Nevola, classe 79, formatosi all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, ha partecipato ad un set internazionale. Il suo esordio sul grande schermo infatti è avvenuto nel 2015 in «Tutte le strade portano a Roma» con protagonista Sarah Jessica Parker, la star di «Sex & the City». Una lunga gavetta in teatro per Nevola, condita da tante apparizioni in tv a partire dal 2009 con fiction di Rai1 «Capri 3» nel ruolo di Vittorio Mottola. L’anno successivo è protagonista di puntata nella 10a stagione di Distretto di Polizia su Canale 5 ed entra nel cast del «Progetto Eduardo» diretto da Massimo Ranieri e prodotto da Rai1 che porterà sul piccolo schermo, quattro tra le più importanti commedie di Eduardo de Filippo: «Filumena Marturano» con Mariangela Melato, «Napoli milionaria!» con Barbara De Rossi, «Questi Fantasmi» con Donatella Finocchiaro e «Sabato, Domenica e Lunedì» con Monica Guerritore.
 
Lavora nella fiction di Rai1 «Un passo dal cielo» (nel 2012) ed entra nel cast «Squadra Antimafia 6» in onda su Canale 5 nel ruolo del mafioso Ettore Ragno (nel 2014).  Un ruolo da coprotagonista nel 2017 per il film di Giuseppe Alessio Nuzzo «Le verità» al fianco di Francesco Montanari. Nello stesso anno sarà tra i protagonisti di «Sotto copertura – La cattura di Zagaria» in onda su Rai1. Dal 10 maggio sarà al cinema accanto a Frank Matano nel film «Tonno Spiaggiato». Quella di Nevola è una storia di impegno e perseveranza per realizzare un sogno, arrivando a lavorare con cineasti di livello mondiale come Luc Besson.
Venerdì 13 Aprile 2018, 21:22 - Ultimo aggiornamento: 13-04-2018 21:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP