La confessione di Papa Francesco: «Sono andato dall'analista, ne ho sentito il bisogno»

Papa Francesco rivela:
di Franca Giansoldati

3
  • 2471
CITTÀ DEL VATICANO - Si sente imprigionato nella gabbia di Santa Marta (parole sue) eppure Papa Bergoglio dimostra di possedere anche una grande, grandissima libertà interiore. Al punto da confessare apertamente, pubblicamente, di essersi sottoposto per un certo periodo della sua vita ad una terapia psicoanalitica. All’epoca aveva 42 anni, aveva assunto l’incarico di dirigere la Compagnia di Gesù in Argentina sei anni prima. Il clima in quel periodo era pesantissimo per via del regime militare. «Ad un certo momento ho sentito il bisogno di consultare un analista. Una psicanalista ebrea. Durante sei mesi sono andato nel suo studio una volta la settimana per schiarirmi alcune cose. E’ stata una professionista valida, molto professionale come medico e come psicanalista, sempre rimasta al suo posto».
 

FREUD
La confessione - piuttosto insolita per un Papa - appare tra i dialoghi di un libro-intervista di prossima uscita realizzato da un noto politologo francese, Dominique Wolton, autore di diversi saggi sulla comunicazione. Il professor Wolton negli ultimi due anni è volato a Roma ben 12 volte in compagnia di un sacerdote che gli ha fatto da interprete, visto che Bergoglio non parla francese. Bergoglio che di Wolton aveva apprezzato una vecchia opera dedicata al cardinale Lustiger si è lasciato scandagliare, approfondendo ogni aspetto della sua visione del mondo, della politica, dell’Islam, tratteggiando i suoi orizzonti, i progetti più urgenti e, naturalmente, affrontando i nodi relativi al suo passato. Una conversazione senza precedenti, ricca di spunti, mai banale anticipata quasi integralmente da Le Figaro. Del periodo relativo all’analisi è difficile capire – perché Bergoglio non lo spiega – quali fossero i suoi problemi, se legati a nevrosi, o ad uno stato di ansia oppure ad una lieve depressione passeggera. Impossibile sapere se le sedute avvenissero sul classico lettino. Bergoglio aggiunge solo che da questa terapia ha tratto grande beneficio. «E poi un giorno, quando questa psicanalista fu sul punto di morire, mi mandò a chiamare. Naturalmente non per avere dei sacramenti, poiché era di fede ebraica, ma per un dialogo spirituale. Una persona molto buona. In quei sei mesi mi ha davvero aiutato. All’epoca avevo già 42 anni». In questo passaggio della conversazione viene definitivamente sdoganata la psicanalisi, il cui rapporto con la Chiesa non è sempre stato dei migliori, forse perché la disciplina analitica aveva finito per soppiantare secoli di riflessione cattolica sulla psiche. Solo nel 1961 l’ex Sant’Uffizio vietava ai preti di ricorrere all’analisi. Poi naturalmente le cose sono cambiate e Freud è finito per essere citato anche nei documenti pontifici (Wojtyla, per esempio, lo fece ad una udienza generale). Chissà se è grazie a questa esperienza che Papa Bergoglio fa spesso riferimento all’analisi. Un po’ di tempo fa, per esempio, disse che i giovani pessimisti li vorrebbe tutti mandare dallo psichiatra e ad una bambina che gli chiedeva, all’inizio del pontificato, perché non fosse andato a vivere nel Palazzo Apostolico, lui rispose che lo faceva «per ragioni psichiatriche», per restare sereno e lineare con il suo solito stile di vita piuttosto semplice. Wolton ha lavorato parecchio alle conversazioni con il Pontefice per renderle più rispondenti ed efficaci possibili.

 
PAURE
Gli chiede, per esempio, se da Papa non abbia mai provato momenti di angoscia. Bergoglio risponde di no, poi dopo un po’ di esitazione: «quando salgo sull’aereo e mi trovo davanti ai giornalisti ho l’impressione di scendere nella fossa dei leoni. E là inizio a pregare, poi cerco di essere preciso. Avverto molta pressione e ci sono stati anche degli scivoloni». In fondo non deve amare molto i media visto che li ritiene causa di problemi se non superano quattro scogli: «la disinformazione, la calunnia, la diffamazione e l’attrazione per i particolari scabrosi e brutali».
Venerdì 1 Settembre 2017, 10:27 - Ultimo aggiornamento: 01-09-2017 18:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-09-01 11:08:47
E io che credevo bastassero le preghiere!
2017-09-01 11:00:45
Questo Papa fino ad oggi non mi era piaciuto. Questa sua confessione me lo rende in parte simpatico, perché non ha vergogna di mettersi a nudo, dimostrando di essere un uomo come tanti (con buona pace dello Spirito Santo che interviene nelle elezioni papali!).
2017-09-01 10:45:34
Ricordando il Grande Massimo,"Le vie del Signore sono finite",o no?

QUICKMAP