Giornata mondiale contro la tratta di persone, il Papa: «Basta a questa piaga aberrante»

ARTICOLI CORRELATI
«Due caratteristiche riguardano il possesso del Regno di Dio: la ricerca e il sacrificio. Il Regno di Dio è offerto a tutti ma non è messo a disposizione su un piatto d'argento, richiede dinamismo». È quanto ricorda Papa Francesco ai fedeli in piazza San Pietro durante l'Angelus. Spiega il Pontefice: «Si tratta di cercare, camminare, darsi da fare. L'atteggiamento della ricerca è la condizione essenziale per trovare», mentre «la valutazione implica anche sacrificio, distacchi e rinunce».

«Quando il tesoro e la perla sono stati scoperti, quando cioè abbiamo trovato il Signore, occorre non lasciare sterile questa scoperta, ma sacrificare ad essa ogni altra cosa», continua Papa Francesco durante l'Angelus commentando le letture odierne e sottolineando che «la vicinanza e la presenza consolante di Gesù nella nostra vita» è «una presenza che trasforma il cuore e ci apre alle necessità e all'accoglienza dei fratelli, specialmente quelli più deboli». «Non si tratta di disprezzare il resto - ha proseguito - ma di subordinarlo a Gesù, ponendo Lui al primo posto. La grazia al primo posto. Il discepolo di Cristo non è uno che si è privato di qualcosa di essenziale; è uno che ha trovato molto di più: ha trovato la gioia piena che solo il Signore può donare. È la gioia evangelica dei malati guariti; dei peccatori perdonati; del ladrone a cui si apre la porta del paradiso». Secondo il Pontefice, «la gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù. Coloro che si lasciano salvare da Lui sono liberati dal peccato, dalla tristezza, dal vuoto interiore, dall'isolamento». «Con Gesù Cristo sempre nasce e rinasce la gioia», ha aggiunto citando la sua Evangelii Gaudium.

In occasione poi della Giornata Mondiale contro la tratta di persone, promossa dall'Onu, papa Francesco ha ricordato che «ogni anno migliaia di uomini, donne e bambini sono vittime innocenti dello sfruttamento lavorativo e sessuale e del traffico di organi». «Desidero richiamare l'impegno di tutti affinché questa piaga aberrante, forma di schiavitù moderna, sia adeguatamente contrastata - ha aggiunto -. Preghiamo insieme la Vergine Maria perché sostenga le vittime della tratta e converta i cuori dei trafficanti».
Domenica 30 Luglio 2017, 12:10 - Ultimo aggiornamento: 31-07-2017 17:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-07-31 02:38:57
Che bello ascoltare il PAPA dalla sua finestra e dire noi dobbiamo aprire il cuore a questi fratelli e sorelle....Francesco puoi essere un po piu' specifico come il ladro sulla croce si trova in Paradiso? puoi spiegarci cosa ti intendi per fratelli e sorelle ?Fratelli nella Fede o umani ? E PER QUANTI ANNI CI TOCCA PRENDERE I FIGLI DEGLI ALTRI FRUTTI DELLA POLIGAMIA DELIMORALITA CHE TU NON CONDANNI MAI...GESU' AL TUO POSTO LO FAREBBE ..!
2017-07-30 19:10:00
ci ha fatto riempire l'italia di clandestini che rubano e stuprano;il primo ad alimentare la tratta e' propio l'incoscienza di questa gente.

QUICKMAP