I primi abitanti della Gran Bretagna avevano la pelle nera: la scoperta grazie al Dna di uno scheletro

I primi britannici erano di pelle nera, con capelli ricci scuri e avevano prababilmente occhi azzurri. La rivelazione arriva dall'analisi di uno scheletro di 10.000 anni fa. Gli scienziati del Museo di Storia Naturale hanno usato tecniche di sequenziamento genetico pionieristico e tecniche di ricostruzione facciale per dimostrare che i primi cacciatori-raccoglitori che popolarono la Gran Bretagna erano molto più scuri di carnagione di quanto si pensasse in precedenza. La scoperta rivoluzionaria è stata fatta igrazie a un "colpo di fortuna" dopo che gli archeologi hanno trovato frammenti di Dna nell'orecchio di "Cheddar Man", il più antico scheletro completo trovato nel Regno Unito e uno degli esemplari più preziosi del museo, vissuto oltre 10mila anni fa.
Mercoledì 7 Febbraio 2018, 12:41 - Ultimo aggiornamento: 08-02-2018 17:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-02-08 10:26:07
Scusi Adler, guardi meno programmi trash e più programmi culturali, potrebbe apprendere che la realtà è come l' ha illustrata s.gen..ro. Poi possiamo discutere se questa immigrazione continua ci piaccia o no. Perchè poi il problema, per noi che non abbiamo fabbrichette e campi dove sfruttare i migranti, si riduce all' invasione dei nostri spazi, condivisione di servizi sociali sempre più scarsi e attecchimento di forme specifiche di delinquenza e devianza sociale, come le mutilazioni rituali .
2018-02-07 18:41:52
@s. Gennaro Per piacere, facci la grazia evitaci i pistolotti parascientifici per spiegarci che deriviamo dall'uomo nero. Che esistano le razze è evidente nell'uomo come nel cane.
2018-02-07 14:06:11
SE è ormai accettato da tutti che l'Homo sapiens sia partito dall'Africa per colonizzare il mondo, non dovrebbe meravigliare che i primi uomini preistorici sia a pelle nera. Questa è un prodotto della selezione naturale che favorisce chi abita in regioni calde. La mutazione genetica avviene nei lunghi tempi della natura perchè la pelle chiara favorisce gli abitanti dei climi con poco sole. Il problema moderno della pelle nera è un effetto di condizioni sociali in considerazione che i bianchi del Nord hanno avuto in tempi moderni uno sviluppo tecnico e economico superiore a altri popoli con la pelle scura. Il razzismo non è un fatto genetico, è sociale. I razzisti trovano la scusa dell'apparenza per discriminare, ma alla base ci sono tendenze socio-economiche e culturali. Non dimentichiamo che i latini erano scuri, I barbari bianchissimi.
2018-02-08 09:17:25
secondo lei fra 5 mila anni se in Napoletani mangiano riso con il soy sauce anche loro fra diecimila anni avranno gli occhi a Mandorla e pelle giallastra?

QUICKMAP