Sanremo, Virginia Raffaele è Sandra Milo: «Fellini, Craxi e anche due "trombamici"»

ARTICOLI CORRELATI
0
  • 184
«Carlo anche tu ospite di Maria stasera». É un'esilarante Sandra Milo il personaggio che Virginia Raffaele, dopo tante indiscrezioni su ipotesi politiche, ha scelto di portare sul palco dell'Ariston nella quarta serata del festival di Sanremo. Fasciata in un abito rosso con rossetto in tinta, Raffaele-Milo è davvero molto simile all'originale. «Sai cosa si dice degli uomini con le mani grandi? Più grandi le mani, più tenere le carezze! Sai cosa si dice degli uomini col pisellino piccolo? C'è poco da dire», esordisce la finta Milo con una vice del tutto simile all'originale.
 

A Conti che le ricorda la sua gloriosa carriera punteggiata da coollaborazioni con grandi maestri, la Milo-Raffaele risponde: «Le cose belle non finiscono mai e infatti qui domani finite». Conti le ricorda la sua intensa vita sentimentale, tra amanti celebri che le sono stati attributi (da Fellini a Totò, a Craxi) e mariti: «Sì, in effetti. Poi anche tre mariti. Tu, Carlo, dirai: che noia! Infatti per non annoiarmi avevo anche due trombamici».

Poi lo sketch finale con i «bambini canterini», che Carlo pensa siano i bambini del coro dell'Antoniano. Invece entra un gruppo di vecchi e la finta Milo sottolinea: «Erano bambini ma sono qui da ieri. 24 ore di sanremo sono 60 anni di vita vera». Parte la musica, Milo-Raffaele coinvolge in un girotondo Carlo Conti e Maria De Filippi e li invita a chiudere gli occhi. Il finale trasforma il palco dell'Ariston in un circo, popolato da acrobati e clown in una sorta di citazione felliniana.
Venerdì 10 Febbraio 2017, 23:27 - Ultimo aggiornamento: 11-02-2017 09:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP