Paola Cortellesi e Claudia Gerini, a Sorrento le star dei biglietti d'oro

ARTICOLI CORRELATI
di Diego Del Pozzo

Sono Paola Cortellesi e Claudia Gerini le star più applaudite sul palco dell'Hilton Sorrento Palace, durante la serata di consegna dei Biglietti d'oro e delle Chiavi d'oro, momento culminante delle Giornate professionali di cinema che si concludono oggi a Sorrento. Le due attrici hanno ritirato i premi, assieme ai registi Riccardo Milani e Gabriele Muccino, per i primi due incassi italiani della stagione, «Come un gatto in tangenziale» e «A casa tutti bene», primo e secondo incasso italiano del 2017-2018 davanti a «Benedetta follia» di Carlo Verdone, anche lui applauditissimo ieri sera.

Sia la Cortellesi che la Gerini, però, sono state protagoniste anche della presentazione dei loro nuovi film, diversissimi tra loro ma entrambi molto attesi dagli esercenti presenti alla kermesse organizzata dall'Anec assieme ad Anem e Anica. La prima sarà nei cinema italiani già il 27 dicembre, con uno tra i titoli di punta delle festività natalizie e di fine anno, la commedia fantasy per famiglie «La Befana vien di notte» diretta da Michele Soavi su sceneggiatura di quel Nicola Guaglianone che, da «Lo chiamavano Jeeg Robot» in poi si conferma scrittore di riferimento del nuovo cinema italiano (suo anche lo script della nuova crime-comedy di Massimiliano Bruno, «Non ci resta che il crimine»).

Claudia Gerini, invece, arriva a Sorrento a fine set di «A mano disarmata», il film di Claudio Bonivento sulla vicenda della giornalista Federica Angeli, costretta dal 2013 a vivere sotto scorta per le sue inchieste di cronaca nera e per aver testimoniato nei processi contro il clan criminale Spada di Ostia. Nei cinema italiani dal 4 aprile 2019, il film è stato presentato in sala dall'attrice, che dal palco ha letto una lettera della Angeli ai figli. «M'è piaciuto molto essere Federica, perché credo di averla capita come donna, madre e professionista», spiega l'attrice. «Nell'interpretazione della sua storia - aggiunge - ho messo anche il mio orgoglio di mamma, convinta che ciascuno di noi non debba mai abbassare la testa di fronte alla criminalità, ma impegnarsi per lasciare ai nostri figli un mondo più pulito».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 6 Dicembre 2018, 11:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-12-09 02:38:22
Biglietti
2018-12-06 12:53:34
una più antipatica dell'altra ma vince la Cortellesi

QUICKMAP