Kevin Spacey, altre accuse: «Molestò anche me e non sono l'unico»

ARTICOLI CORRELATI
0
  • 58
Ancora accuse per Kevin Spacey. Dopo il caso dell'attore di Star Trek Anthony Rapp, altri due uomini hanno dichiarato di aver subito molestie dalla star di Hollywood. 

Il messicano Robert Cavazos ha scritto sulla sua pagina Facebook che Spacey ha cercato di palpeggiarlo quando l'attore era direttore artistico del teatro londinese Old Vic, carica che ha tenuto dal 2004 al 2015, riporta l'emittente Abc news. 
 

L'incontro è avvenuto nel bar del teatro, racconta l'attore messicano, secondo il quale emergeranno presto «molte altre» accuse di molestie sessuali contro Spacey. «Io non l'ho tollerato, ma conosco gente che aveva paura di fermarlo», ha scritto Cavazos: «Sembra che l'unico requisito per Spacey di sentirsi libero di toccarci fosse di essere un maschio sotto i 30 anni». Rapp, che ha subito le 'avance sessualì di Spacey quando aveva 14 anni, prosegue l'attore messicano, non è affatto solo. «Chi di noi ha incrociato il cammino di Spacey a Londra quando era direttore artistico dell'Old Vic sa che molte altre persone troveranno il coraggio di raccontare le proprie storie nei prossimi giorni e settimane».

Nel frattempo è spuntato un terzo uomo che sarebbe stato molestato dal protagonista di House of Cards. John, questo il nome fittizio scelto dalla Bbc, che lo ha intervistato decidendo di proteggerne l'identità, avrebbe subito gli abusi appena 17enne, negli anni '80. L'uomo ha raccontato la vicenda a Victoria Derbyshire, volto noto della tv britannica. John sarebbe stato invitato nella casa dell'attore a New York, dove una mattina dice di essersi risvegliato una mattina sul divano con Spacey in mutande appoggiato con la testa sul suo stomaco.

«Al principio si era mostrato affabile e amichevole», racconta, poi ha iniziato a rivelare una forma diversa di attenzione «a cui non ero interessato». La notte prima della presunta molestia, l'attore gli avrebbe proposto di dormire insieme, salvo lasciarlo sul divano e andare in camera sua in lacrime al momento del rifiuto. Spacey, secondo il racconto di John, ci avrebbe poi riprovato la sera dopo, prima della sua definitiva partenza. «Io a quel punto scoppiai in lacrime perché non sapevo cosa dire e avevo paura», prosegue John, riconoscendo peraltro all'attore di essersi tirato indietro. L'uomo assicura di non aver mai discusso con Spacey di sesso, né d'avergli mai mostrato interesse e ricorda di essersi sentito «al meglio a disagio, al peggio traumatizzato». «Lui - conclude riferendosi alla star di Hollywood - si dimostrò stupido o predatorio, forse un pò tutte e due le cose».
Mercoledì 1 Novembre 2017, 10:32 - Ultimo aggiornamento: 01-11-2017 18:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP