Dacca, Papa Francesco si inchina davanti ai profughi Rohingya: «Vi chiedo perdono per l'indifferenza del mondo»

Grande emozione durante l'incontro del Papa con un gruppo di 16 rohingya nell'arcivescovado di Dacca, dove parlando a braccio, ha pronunciato la parola che gli era proibita in Myanmar, Rohingya: «Vi chiedo perdono per l'indifferenza del mondo, vi sono vicino, la situazione è molto dura. Non giriamoci dall'altra parte di fronte a questi drammi».
 


L'incontro è avvenuto nel giardino dell'arcivescovado di Dacca, durante l'incontro interreligioso ed ecumenico per la pace, con esponenti religiosi cattolici, anglicani, musulmani, buddisti e induisti.
Venerdì 1 Dicembre 2017, 14:29 - Ultimo aggiornamento: 01-12-2017 14:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP