Governo, il cardinale Bassetti a Conte: i vescovi saranno coscienza critica del governo

di franca Giansoldati

Città del Vaticano – I vescovi lanciano messaggi al neo premier incaricato (con riserva) Giuseppe Conte. Vigileremo su quello che farà questo esecutivo, saremo coscienza 
critica, abbiamo dei principi irrinunciabili: «la centralità 
dell’uomo, il lavoro come elemento fondante della dignit, il
rispetto della Costituzione, la scelta chiara per la democrazia
e per l’Europa». Il presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, termina i lavori dell'assemblea generale che si è tenuta in questi giorni in Vaticano e commenta le principali vicende politiche.

Serve, ha insistito, una progressività 
fiscale. E non tagli generici: «Occorre progressività fiscale nel 
senso che non si dovranno fare tagli in generale ma per le fasce che 
devono essere tagliate. Si cominci col tassare 
l’attività speculativa e con la lotta all’illegalità».

I vescovi italiani, ripete Bassetti, saranno 
«vigilanti nei confronti di coloro che andranno al governo», pronti a 
collaborare ma con «coscienza critica» consapevoli che ci sono 
«principi irrinunciabili». E «chiediamo a questo esecutivo -afferma Bassetti- che sappia 
dare prova di maturità e che sappiano affrontare i problemi della 
gente. Noi saremo molto vigilanti e avremo coscienza critica: 
apprezzeremo il buono ma saremo voce critica su tutto ciò che va 
contro famiglia, migranti, chi è in difficoltà e contro i principi che 
per noi sono irrinunciabili».






 
Giovedì 24 Maggio 2018, 14:52 - Ultimo aggiornamento: 24-05-2018 16:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-05-25 09:53:54
Invece di intromettervi negli affari del Popolo italiano, occupatevi dei preti pedofili che proteggete!

QUICKMAP