Regionali Sicilia, compravendita di voti: indagato il neo deputato Tamajo

3
  • 52
Associazione a delinquere finalizzata alla corruzione elettorale. E questa l'accusa nei confronti di Edy Tamajo, neo deputato regionale siciliano di Sicilia Futura a cui la Procura di Palermo ha notificato un avviso di garanzia.

Venticinque euro a voto. Tanto sarebbe bastato, secondo quanto riportano alcuni quotidiani locali, al parlamentare, recordman di preferenze a Palermo, per ottenere la rielezione a Sala d'Ercole. Tamajo, candidato nella lista Sicilia Futura a sostegno del candidato del centrosinistra, Fabrizio Micari, ha ottenuto alle elezioni del 5 novembre quasi 14mila preferenze che lo hanno incoronato come il parlamentare più votato nel capoluogo siciliano e il terzo in Sicilia. Per l'accusa, però, una parte di quei voti è stata comprata. La Guardia di Finanza ha perquisito il suo comitato elettorale e nei prossimi giorni dovrà presentarsi in Procura per essere interrogato. 
Sabato 11 Novembre 2017, 09:38 - Ultimo aggiornamento: 12-11-2017 17:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-11-11 13:16:36
lo so, sono scontato, prevedibile, populista, giustizialista ma non posso non farla 'sta battuta: due in tre giorni. di 'sto passo, l'insediamento lo faranno all'ucciardone.
2017-11-11 11:33:42
Se risponde al vero il movimento "Sicilia Futura" garantirebbe la continuazione di quello che c'è stato fino ad oggi?
2017-11-11 09:50:47
Ma dai. Non può essere vero. I brogli in combutta con i mafiosi li fanno solo quelli di destra. Noi di "sinistri" (non è un errore, SINISTRI) siamo moralmente superiori. Se qualche broglio o compravendita di voti c'è stata, di certo è stata fatta dai fascisti di destra per screditare i nostri candidati di sinistra che sono immacolati.

QUICKMAP