Etruria, Renzi: piano contro di me. Ma nel Pd sale la tensione

ARTICOLI CORRELATI
di Marco Conti

2
  • 86
«Non siamo al complotto, ma l'assedio è evidente». Nella testa dei renziani che ieri hanno inondato social e agenzie con dichiarazioni a supporto della Boschi, «un filo rosso lega la vicenda Consip a Banca d'Italia, passando per la magistratura e arrivando a Banca Etruria». Mesi di discussioni e accuse su Consip - fanno osservare - «sono terminate con la sospensione di due ufficiali dell'Arma dei Carabinieri accusati di aver taroccato i verbali delle intercettazioni» che dovevano accusare Renzi.

Ed ora Etruria. «Ma è mai possibile che tutti parlino dell'agenda Boschi e non dei veri scandali bancari?», continuano a chiedersi i più stretti collaboratori del segretario del Pd che ieri ha lasciato parlare i suoi occupandosi di Ilva e degli 80 euro che «ora piacciano anche alla Lega».

La sensazione di una morsa, iniziata a stringersi subito dopo la sconfitta referendaria, è forte nei ragionamenti dem di queste ore. Un fuoco da più parti e su un unico obiettivo che punta a «far saltare la leadership» renziana sul partito che guida il governo, e che probabilmente sosterrà anche il prossimo». Una sensazione cresciuta dopo il via-vai di auditi nella Commissione d'inchiesta. Più o meno tutti impegnati - sostengono - «a recitare lo stesso soggetto». Ieri è stata la volta dell'ex numero uno di Unicredit Federico Ghizzoni che ieri, ai frequentatori del Nazareno, ha dato l'impressione di voler compensare «la sostanziale smentita della tesi contenuta nel libro di De Bortoli» con «l'antipatica» rivelazione di un mail inviatagli da Marco Carrai nella quale si chiede di sapere cosa intendesse fare Unicredit di Etruria. Un colpo basso al quale i renziani reagiscono sostenendo che «Carrai non c'entra niente con il Pd» e che Ghizzoni ha dato ragione alla Boschi perché ha chiesto solo informazioni «senza contare che «Ghizzoni ha spiegato che la due diligence di Unicredit su Etruria è cominciata prima, con Mediobanca, e non è frutto dell'incontro o di pressioni, come vuole far credere De Bortoli».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 21 Dicembre 2017, 07:57 - Ultimo aggiornamento: 21-12-2017 11:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-12-21 11:02:27
Impassibili, arroganti, bullonati alle poltrone.,,,mah !
2017-12-21 09:46:32
Praticamente un complotto per privare la Nazione di uno Statista di caratura mondiale ..... ma valaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa !

QUICKMAP