Molini a Porte Aperte, tappa campana all'azienda Caputo

di Emanuela Sorrentino

Dal grano alla farina, con tanto di visita guidata negli spazi del molino Caputo. Lo stabilimento di corso San Giovanni a Napoli è stato l'unico in Campania ad aprire le porte ai visitatori in occasione dell'evento nazionale "Molini a Porte Aperte" promosso da Italmopa.
 
 

 
Carmine e Eugenio con i figli Antimo e Mauro Caputo e Francesco Miccu', responsabile commerciale hanno accolto i visitatori e mostrato il laboratorio con focus sui diversi tipi di grano, la loro provenienza e le metodologie di lavorazione prima di fare tappa al molino. "Siamo orgogliosi - spiega Antimo Caputo - di avere oggi con noi Piero Luigi Pianu, direttore Italmopa - oltre ovviamente a tante famiglie che hanno accolto il nostro invito. Entrare in contatto con la gente è una nostra priorità per far comprendere come non ci sia nulla di più naturale della farina che noi lavoriamo nella maniera più semplice possibile". "Ancora e solo dal grano è il nostro motto aziendale - spiega il presidente Carmine Caputo - ed oggi vi mostreremo come questa frase sia significativa per noi".
Focus poi sulla filiera creata da Caputo in basso Lazio, Campania, Molise, Basilicata appunto con Campo Caputo.

Alla gente è stato mostrato poi come la semplicità del lavoro di macina con cilindri produca una farina naturale e garantita. "Una macinazione lenta e naturale come si faceva una volta, che garantisce anche il basso danneggiamento degli amidi contenuti nei chicchi", precisa Eugenio Caputo. "Noi maciniamo grano tenero - racconta il figlio Mauro Caputo -. Miscelandolo sapientemente i diversi grani si ottengono farine con caratteristiche diverse che si prestano a diversi usi, dalla pasticceria alla panetteria e alla pizzeria fino all'uso domestico". Musica in sottofondo e l'assaggio della pizza del mugnaio hanno contribuito al successo della giornata. 
Sabato 14 Aprile 2018, 16:12 - Ultimo aggiornamento: 14-04-2018 16:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP