Pan, visita al genio ibrido di Dalì

Salvator Dalì
di Vincenzo Aiello

“Io Dalí. La magica confusione dell’esistenza onirica!” questa la proposta per domenica 11 marzo alle ore 10.30 - dell’associazione “Luna di seta” della scrittrice Agnese Palumbo e della guida regionale Felicia Paragliola. Un evento unico e imperdibile perché per Salvator Dalì si tratta della prima volta a Napoli. Si scoprirà la genialità di un artista poliedrico, tra i principali esponenti del Surrealismo il movimento di avanguardia nato in Francia nei primi anni del 1920. L’evento si pone come un grande viaggio nella mente di un grande artista che ha trasformato la sua vita in una meravigliosa Opera d’Arte. Se ne comprenderà la genialità, l’attualità, il talento, l’originalità e l’unicità. Dal personaggio evocato, ai suoi contributi, fondamentali all’inizio e frustrati poi, al cinema sperimentale e hollywoodiano (Tatti Sanguineti). I rapporti fra Dalí, la matematica e la geometria, le sue ricerche sugli ologrammi degli anni ’70 , così come i suoi interessi per la visualizzazione della quarta dimensione e dell’ipercubo. Il rapporto con la danza nelle scenografie dei balletti da lui disegnate, ma come metafora e paradosso di un passo che non passa , mentre il rapporto con l’eros si interseca con le nudità ambivalenti con cui Dalí rappresenta il (proprio) corpo nudo. Il suo incontro con Freud rievocato in un delizioso schizzo surreale su una panchina, mentre è reale il suo distacco, a volte fastidioso e supponente, spesso di comodo e opportunista, dagli eventi storici del suo tempo. L’appuntamento è all’ingresso del Museo Pan - ore 10.30, Via dei Mille 60 a Napoli - Per info e prenotazioni: 3298489445-3281317095. Mail: lunadisetavisiteguidate@gmail.com 
                                                                                                            
 
Sabato 10 Marzo 2018, 12:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP