Weekend «Buongiorno Ceramica», al Caselli l'arte di fare la porcellana

di Rossella Grasso

Dal 17 al 20 maggio tanti appuntamenti per conoscere il grande patrimonio artistico culturale della ceramica con «Buongiorno Ceramica. Dai musei alla fornace, un percorso alla scoperta del gran fuoco». L'evento coinvolge le maggiori città tradizionalmente produttrici di ceramica. A Napoli protagonista è la porcellana di Capodimonte. Ricco il programma degli eventi a partire da giovedì 17 alle 10.30 al Museo Duca di Martina, Museo Nazionale della Ceramica che propone per la prima volta al pubblico il «Servizio da tavola all'etrusca della Manifattura Giustiniani di Napoli» nella sala da pranzo della Duchessa di Floridia. Poi alle 16 al Museo e Real Bosco di Capodimonte sarà esposto il «Servizio in terraglia per la Corte della manifattura Del Vecchio», opera prestigiosa appena tirata fuori dai depositi del Museo. Sabato 19 alle 10.30 per la prima volta l'Istituto Caselli proporrà al pubblico una sua nuova creazione: il porta babà. Seguiranno le performance degli allievi e l'esposizione dei prodotti di design più belli. 

Il Caselli è infatti capofila nel recupero dell'antica tradizione della porcellana di Capodimonte, sin dal 1961 ubicato nell'antica struttura della «Real Fabbrica delle Porcellane di Capodimonte» fondata dal re Carlo di Borbone. La scuola detiene il marchio di fabbrica con il giglio borbonico a garanzia della qualità e originalità della manifattura. È un istituto ad indirizzo raro e sta facendo un enorme lavoro per recuperare e promuovere una tradizione artigianale che stava andando in crisi. Lo fa attraverso la ricerca e la sperimentazione in partenariato con le Università campane e un approfondito studio del design più contemporaneo. Il risultato è sorprendente. Le collaborazioni con artisti internazionali sono tante, tra cui Liu Jinhua's, con cui gli allievi del caselli collaboreranno alla creazione dell'istallazione di 2000 fiori di porcellana. Poi ci sono le riproduzioni di opere di design come quelle di Roberto Mango che ha fatto la storia dell'arredamento. 
 

Ma non è finita qui. Oltre a laboratori di ogni tipo e stage in aziende, al Caselli si cerca anche di incentivare le startup e l'imprenditoria giovanile. C'è un incubatore di impresa per avere tutti i servizi necessari in un'unica sede con un unico interlocutore one-stop-shop e da poco è stato inaugurato un forno civico. Per avere la porcellana perfettamente bianca è infatti necessario cuocere i prodotti in un forno a gas ad elevata potenza. Un macchinario costoso ma soprattutto che necessita di particolari accorgimenti per la sicurezza. Aziende e artigiani potranno usare il forno gratuitamente e su prenotazione. Un modo per incoraggiare i più giovani a fare di una tradizione una bella occasione lavorativa. 
Mercoledì 16 Maggio 2018, 10:00 - Ultimo aggiornamento: 15 Maggio, 17:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP