Maquillage alla Villa Romana di Pollio Felice al Capo di Sorrento

Pannelli esplicativi alla Villa Pollio Felice al Capo dI Sorrento
di Vincenzo Aiello

Nuova vita per il sito archeologico della Villa di Pollio Felice al Capo di Sorrento? Dopo i nuovi saggi archeologici che hanno pemesso di retrodatare l'età dell'otium imperiale ad un periodo antecedente quello di Augusto - in linea con gli altri ritrovamenti in Ville imperiali di villeggiatura da Formia in giù - ora c'è un nuovo corso anche per quanto concerne la sistemazione del sito. Da pochi giorni sono comparsi dei raccoglitori di rifiuti per un differenziata a norma con i loghi del comune di Sorrento, della Soprintendenza Archeologica locale, dell'Ateneo berlinese Humboltd, di Penisola Verde.

Sulla parte superiore della Villa è stato sistemato un pannello esplicativo fisso che dà conto della costruzione del Quadriportico il peristilio ellenistico con ambienti disposti intorno ad una costruzione colonnata. Poi notizie sui bagni della regina Giovanna. Tutto questo nuovo fervore si deve alle tre campagne di scavi che l'Università Humboltd di Berlino ha effettuato sotto il comando dell'archeologo Wolfgang Filser che al nostro giornale dichiarò ad ottobre, "dai saggi che abbiamo potuto effettuare sul lato marittimo della Villa possiamo dire con certezza che le mura di fondazione della stessa risalgono alla tarda età repubblicana ben prima di quello che si è sempre creduto – e veicolato – che invece faceva risalire la fondazione all’età augustea». Per ora però solo famigliole di tedeschi si aggirano nei pressi della Villa imperiale - forse per la pubblicità fatta al sito in patria - ma nessun turista italiano.
Mercoledì 11 Aprile 2018, 12:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP