Ventuno anni, tenta il suicidio:
salvata dai vigili urbani

Ventuno anni, tenta il suicidio:
salvata dai vigili urbani
di Elio Zanni

TEANO. «Lasciatemi stare, so io cosa fare». È stata un’intera terribile ora, quella trascorsa mercoledì pomeriggio dai vigili urbani di Teano, nel tentativo di entrare in contatto psicologico con una persona visibilmente in difficoltà e intenzionata farla finita con la vita. Ma niente e nessuno sembrava poter far recedere la 21enne di Teano, residente nella frazione San Marco, dall’intenzione per la quale si era recata lì, nei pressi del ponte di San Paride. L’aspirante suicida aveva, infatti, fermato l’automobile a ridosso del parapetto largo ma paradossalmente basso rispetto alla mole del ponte e soprattutto alla sua altezza: oltre 30 metri.

Un volo senza scampo. Ma il perseverare dei tentativi di dialogo a un certo punto posti in essere da un’agente donna e dal nuovo comandante della polizia municipale di Teano, il capitano Carlo Del Vecchio, ha dato i suoi frutti. La ragazza si è convinta a lasciare il luogo sul quale intanto stava calando il buio. Poi, è scoppiata in un pianto liberatorio. Sempre la polizia municipale di Teano si è occupata di rintracciare i familiari e accompagnare la giovane nella sua frazione di residenza, San Marco. Pare che la stessa avesse già tentato il suicidio, stavolta a Roma, lanciandosi dal balcone della casa d’altri parenti. Un trauma orrendo che non è servito però, purtroppo, a farle cambiare intenzioni. Un vero miracolo della vita quello di ieri, avvenuto proprio mentre si compiva il solenne insediamento del nuovo vescovo di Teano - Calvi Risorta, Giacomo Cirulli. 
Venerdì 29 Dicembre 2017, 17:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP