Felicori choc: apro la Reggia agli immigrati

felicori
di Lidia Luberto

9
  • 1574
CASERTA - «Prima che finisca il mio mandato porterò in visita alla Reggia di Caserta anche gli extracomunitari che vivono da queste parti», dice il direttore Mauro Felicori commentando la straordinaria giornata vissuta ieri nel parco del monumento con la regata tra Oxford e Cambridge, senza rinunciare a sorprendere con l’annuncio della nuova idea. Palazzo reale aperto agli immigrati almeno per un giorno, come turisti e visitatori comuni ma inevitabilmente protagonisti di un’iniziativa destinata a far rumore.

Felicori tira dritto senza entrare nei dettagli ma, c’è da giurarci, che sta già pensando a come realizzare quello che al momento appare più un sogno che un vero e proprio progetto.
«Non bisogna dimenticare che questa - aggiunge Felicori - era una residenza nella quale divertimenti e avvenimenti simili erano all’ordine del giorno. Lanciare in tutto il mondo l’immagine di un luogo dove ci si diverte contribuisce ad attrarre visitatori, compresi quelli che non sono troppo interessati a coglierne gli aspetti culturali». Intanto oggi nel parco è prevista l’iniziativa «Volere Volare», con l’installazione di una mongolfiera che eseguirà una serie di voli vincolati.
Domenica 24 Settembre 2017, 00:27 - Ultimo aggiornamento: 24-09-2017 09:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2017-09-24 19:27:48
Aggiungo: lo spettacolo della mongolfiera proprio non l'ho capito... da festa di paese, considerando che a Paestum e Avellino (credo Grottaminarda) ne arrivano a decine... ...e poi parliamo degli altri ospiti stabili alla reggia? Ovvero cani e cacche di cavallo (sempre documentato con foto)
2017-09-24 16:07:07
la mia più totale solidarietà (detto senza ironia) a felicori. proprio non sa più cosa deve inventarsi per far quadrare i conti. cioè, per aumentare gli incassi. il che, evidentemente, ha poco a che fare con l'arte, la storia, ecc .ecc. ma di cui il povero felicori deve prioritariamente tener conto. anche ma SOPRATTUTTO perchè regione e ministero, da almeno un ventennio a questa parte, per "gestione e/o valorizzazione della cultura" intendono solo una cosa: a napoli come a caserta come a roma, mandati di pagamento a fiumi per ideuzze, eventini, eventucci, mostre, mnostriciattole che a niente servono. come dimostrato dall'ennesima inutilissima "volere volare". beh, dopo che la mongolfiera ha volato? mo' sta a vedere che un potenziale turista di, dico per dire, verona o catanzaro o londra o di dove vi pare, decide di venire a visitare la reggia perchè un giorno qualsiasi ci ha svolazzato una mongolfiera per una mezz'oretta? o perchè (come mi è successo quest'estate a castel di monte) ci hanno fatto la solita mostra-happening-evento del solito sconosciutissimo artista "trasgressore tanto ma con regolare mandato di pagamento"? populisticamente, mi domando: visto che tra LSU, dipendenti delle ex province, esuberi dei consorzi di bacino di mano d'opera stipendiata e stipendiabile già ce n'è a iosa, perchè non applicare a costoro il jobact (il demansionamento) e la mobilità? per esempio: da uscieri della provincia a custodi; da operatori ecologici a manutentori del parco. oltre che, va da sè, meno eventuncoli-zuppette e più campagne promozionali. tutte cose su cui il povero felicori non ha potere alcuno. ma il ministro o il governatore sì.
2017-09-24 13:15:21
E poi dopo tutti ad Edenlandia, tanto c'è chi lavora per loro....
2017-09-24 12:29:39
ma..sapete che cavolo se ne importa agli immigrati delle bellezze artistiche della REGGIA DI CASERTA dei BORBONI e tutto il resto??..praticamente zero! ..a loro interesserebbe solamente occuparla ai fini abitativi o come bivacco giornaliero...FELICORI siamo seri!!
2017-09-24 11:30:07
Bella iniziativa. Se poi concedesse ai cittadini di Caserta (che pagano un abbonamento per l'accesso al parco raddoppiato nel giro di un paio d'anni) di accedere al giardino inglese. E poi va tenuto meglio il parco (mie affermazioni documentate da foto) e messo in sicurezza in più punti

QUICKMAP