La Casertana sconfitta a Lecce scivola all'ultimo posto

lecce casertana
di Marco Rinaldi

LECCE - La classifica parla chiaro: seppur in buona compagnia, la Casertana è ultima dopo la sconfitta a Lecce contro la capolista. L’illusorio pareggio di Galli è rimasto tale, il pareggio della Fidelis Andria (ex fanalino di coda in solitario) ha fatto il resto. «Sì, la classifica dice questo» ammette a fine gara Luca D’Angelo, allenatore di una Casertana che, a questo punto, è chiamata a ritrovare quel successo casalingo che manca dall’ormai lontano 3 settembre, 1-0 contro il Catania. «Contro la Paganese dobbiamo vincere a tutti i costi» la conferma dell’allenatore, che però guarda anche alle cose positive del match del «Via del Mare». «È ovvio che quando trovi il pareggio a pochi minuti dalla fine fai il pensierino al punto anche perché, pur al cospetto della prima forza del campionato, non avevamo affatto demeritato».
La rete di Riccardi ha spento le illusioni: «Una rete rocambolesca, su calcio d’angolo» il rammarico di D’Angelo. «Nel finale avremmo anche potuto, con un po’ di fortuna, trovare il pari, ma sia chiaro che il Lecce non ha rubato assolutamente nulla. È altrettanto vero che, per quanto visto, la mia squadra non ha affatto demeritato. Sono vere entrambe le cose, ma hanno vinto loro e ci può anche stare».
Martedì 7 Novembre 2017, 23:37 - Ultimo aggiornamento: 07-11-2017 23:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP