Famiglia arsa viva nel rogo
sospetti sul figlio maggiore

di Paola Florio

MERCATO SAN SEVERINO - Effettuate ieri le autopsie sui corpi di Iole De Marco (82 anni) e dei due figli: Donato (60 anni) e Franco Papa (58 anni), deceduti nell’incendio della loro abitazione in via Tommaso Sanseverino nella serata di mercoledì scorso. A procedere con l’esame autoptico, iniziato intorno alle nove del mattino e proseguito fino a circa le 17 presso l’istituto di Medicina Legale dell’ospedale Fucito di Curteri, il medico legale Giuseppe Consalvo, il cui incarico era stato conferito nei giorni scorsi dal pm della Procura di Nocera Inferiore Gaetana Amoruso. La prima salma ad essere esaminata è stata quella di Franco, il fratello più piccolo trovato sul letto nella sua stanza. Il suo corpo è stato quello più aggredito dal fuoco, probabile, quindi, pensare che le fiamme siano partite proprio da quel locale. Poi mamma Iole, anche lei rinvenuta nel suo letto in un’altra stanza. A lei e al maggiore dei suoi figli, Donato, ritrovato ai piedi del letto della madre, l’incendio ha arrecato danni minori. Per tutti, comunque, la causa della morte sarebbe da ricondursi all’asfissia.

Ancora presto per gli esiti degli esami effettuati. Esami di routine in questi drammatici casi. Non solo quelli istologici, ma anche quelli tossicologici. Potrebbero essere forse questi ultimi a dare risposte utili per la ricostruzione dei fatti. Bocche cucite da parte dei carabinieri della compagnia di via delle Puglie, agli ordini del maggiore Alessandro Cisternino, che indagano sulla tragedia. Impossibile, quindi, sapere se siano stati trovati elementi utili all’interno dell’appartamento andato a fuoco. Sono solo ragionamenti e ipotesi a farsi strada in questa intricata vicenda. 
Mercoledì 3 Gennaio 2018, 06:50 - Ultimo aggiornamento: 03-01-2018 08:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP