Sport, a Napoli impianti negati
e il Comune si dà al fantacalcio

di Mariagiovanna Capone

7
  • 122
Che Napoli sia carente di impianti sportivi e quei pochi esistenti siano in pessime condizioni, è un dato di fatto, e ne sa qualcosa il commissario per le Universiadi. In attesa che le strutture siano pronte per luglio, l’amministrazione comunale opta per attività sportive virtuali, tipo il fantacalcio. Si chiama «FantaNapoli, una città che gioca» ed è l’idea avanzata (e approvata) dalla Commissione Sport del Comune di Napoli presieduta da Carmine Sgambati che vedrà coinvolte le dieci Municipalità. Ciascuna dovrà gareggiare con una propria squadra composta da dieci persone, due però dovranno essere consiglieri municipali. Due eletti dal popolo che dedicheranno il loro tempo a giocare al fantacalcio seguendo il campionato di serie A. L’iniziativa è stata accolta con entusiasmo dall’amministrazione comunale al punto che l’assessore Ciro Borriello ha assicurato il patrocinio in quanto «si tratta di un’iniziativa importante dal punto di vista sociale che mette al centro i valori dello sport».

IL REGOLAMENTO
Nel regolamento pubblicizzato per trovare cittadini disposti a giocare al fantacalcio, si precisa che ogni Municipalità dovrà dotarsi di una squadra che dovrà essere composta da dieci elementi residenti nel territorio tra cui due consiglieri municipali. Il via dalla fine di gennaio al 23 maggio, con 20 puntate trasmesse dall’emittente Tv Luna in cui due squadre diverse si confronteranno ogni settimana in diretta. Non prima però di creare «un vessillo, o stemma, e un inno che dovrà avere anche un legame con il territorio al quale si appartiene». A fine campionato, le prime tre squadre classificate si vedranno assegnati «premi come viaggi o borse di studio universitarie». 
Ogni Municipalità avrà mille punti che serviranno per l’asta dei calciatori con cui comporre la squadra del fantacalcio e si promette «una cerimonia che avrà luogo in una sede istituzionale e con la partecipazione del presidente della commissione Sport e dell’assessore Borriello, con l’auspicio che sia proprio il sindaco a dare l’avvio».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 8 Gennaio 2019, 22:59 - Ultimo aggiornamento: 9 Gennaio, 07:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2019-01-09 13:38:05
A volte mi chiedo se questi personaggi credano che il nostro quoziente intellettivo sia pari a zero. Questa "divertente" trovata, alla luce dei ben altri problemi che affronta lo sport a Napoli ( quello vero...non il baraccone circense del calcio) per quanto mi riguarda risulta un'offesa all'intelligenza dei cittadini.....ammesso che questi ne abbiano conservata almeno un pochino ( mi sa di no visto come hanno votato).
2019-01-09 13:01:48
Veramente abbiamo toccato il fondo...questi DemA non hanno alcun pudore o vergogna...oggi la città è completamente paralizzata
2019-01-09 12:46:28
FANTAcalcio.....FANTAsioso bilancio comunale....servizi FANTAsma.....lavori a via marina FANTAsiosi......FANTApolitica estera.......la FANTAsia al potere.......
2019-01-09 10:49:23
sono numeri...
2019-01-09 10:47:19
Questa è la faccia di chi ci governa. Sindaco che fa l'ammiraglio di flotta navale, assessore che invece di occuparsi delle sue deleghe fa i ministro degli esteri all'ordine dell'ammiraglio, consiglieri di maggioranza che giocano al fantacalcio utilizzando gli uffici comunali. Il tutto mentre la città è senza un bus, piena di rifiuti e senza un servizio che funzioni. Non si può tollerare tutto questo, fosse accaduto in una città dove i cittadini sono bravi a pretendere efficienza ed efficacia dai propri amministratori, proprio i cittadini sarebbero scesi in piazza. Ma Napoli e i napoletani sono così. E il sindaco li conosce molto bene.

QUICKMAP