Ferito da colpo vagante a Parete, Luigi è ancora in coma

ARTICOLI CORRELATI
di Paolo Ventriglia

PARETE. Non migliorano le condizioni di Luigi, il 14enne colpito da un proiettile vagante la vigilia di Natale mentre passeggiava con alcuni amici in via Vittorio Emanuele, la strada principale della cittadina dell'Agro aversanano. È trascorsa ormai più di una settimana da quel triste giorno e Luigi è ancora ricoverato, in coma farmacologico, nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale «Sant'Anna e San Sebastiano» di Caserta. Lo scorso 29 dicembre la comunità di Parete si è mobilitata per la giovane promessa del calcio locale: una fiaccolata in segno di solidarietà nei confronti della famiglia ma soprattutto per dire basta all'uso indiscriminato di armi e alla violenza gratuita. Una marea di persone radunata in piazza Giovanni Paolo II, erano in oltre tremila venuti anche dai comuni limitrofi, per solidarizzare con la famiglia di Luigi che lotta ancora tra la vita e la morte.

Una famiglia che si è chiusa nel proprio dolore ed ha chiesto ai concittadini di non rilasciare dichiarazioni alla stampa su quanto accaduto al ragazzo. Ciò nonostante qualche indiscrezione trapela e pare che qualche segno di miglioramento c'è. Naturalmente i medici del nosocomio casertano non si sbilanciano più di tanto. La situazione resta, comunque, grave ma stabile. Intanto sono sorti spontanei gruppi di preghiera che si raccolgono anche in luoghi non dedicati al culto, per chiedere che Luigi esca dal coma e ritorni a vivere come prima.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 3 Gennaio 2018, 16:02 - Ultimo aggiornamento: 03-01-2018 16:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP