Raid sacrilego al cimitero,
rubati infissi e porte a Rotondi

di Pasquale Pallotta

ROTONDI - Profanate le tombe nel cimitero. Il raid vandalico è stato consuimato in un luogo che dovrebbe essere al riparo da tutto. Una volta c'era il rispetto per i morti, oggi i cimiteri vengono saccheggiati. «Prendersela con i morti è da vigliacchi» è l'opinione comune. Il cimitero, che sorge a monte del paese, lungo la strada che conduce al Santuario di Maria Santissima della Stella, più volte è stato profanato. Diversi sono stati i raid, nel corso dei quali i ladri si sono impossessati di fioriere e vasi, ma mai si era arrivato a tanto. La notte scorsa ignoti si sono impossessati delle porte d'ingresso e delle finestre di 15 cappelle. Sono stati asportati gli infissi realizzati in alluminio. E, oltre alla profanazione delle cappelle, i vetri di molte altre sono state danneggiate e sono state portate via anche le due porte d'ingresso ai bagni.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 18 Novembre 2018, 12:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP