Stephen Hawking, l'utlimo studio due settimane prima della morte: ha predetto la fine del mondo

Stephen Hawking, l'utlimo studio due settimane prima della morte: ha predetto la fine del mondo
ARTICOLI CORRELATI
5
  • 2461
Stephen Hawking è morto lo scorso mercoledì: solo due settimane prima della morte ha presentato un documento di ricerca che prevede la fine del mondo e spiega come gli scienziati potrebbero rilevare le prove di un altro universo.

Il professor Hawking è morto mercoledì all'età di 76 anni nella sua casa di Cambridge. Ma oggi è stato rivelato che la sua mente geniale è stata attiva fino all'ultimo, con la presentazione del suo ultimo lavoro solo due settimane prima del decesso.

Il famoso fisico «avrebbe vinto un premio Nobel» per il documento di ricerca che ha completato dal letto di morte, ha detto il suo coautore, il professor Thomas Hertog. Secondo il Sunday Times, il suo ultimo lavoro mette in discussione un problema che aveva crucciato il professore per 35 anni. Nella sua teoria senza confini, ideata con James Hartle nel 1983, la coppia descrisse come la Terra fu lanciata all'esistenza durante il Big Bang. Ma la teoria prevedeva anche un multiverso, il che significa che il fenomeno era accompagnato da un certo numero di altri Big Bang che creavano universi separati.
 

Nel suo ultimo lavoro, Hawking e il signor Hertog - professore di psicologia teorica all'Università KU Leuven in Belgio - hanno esplorato come questi universi potrebbero essere trovati usando una sonda su un'astronave. Il documento - chiamato A Smooth Exit from Eternal Inflation - prevedeva anche come il nostro universo sarebbe svanito nel buio mentre le stelle esaurivano l'energia.

Hertog ha detto al Sunday Times: «È stato spesso nominato per il Nobel e avrebbe dovuto vincerlo. Ora non potrà mai. La teoria ha ottenuto feedback contrastanti dai colleghi, alcuni dei quali hanno chiesto perché Hawking abbia trovato interessanti le idee. Ma altri hanno suggerito che era ciò di cui la cosmologia aveva bisogno. Carlos Frenk, professore di cosmologia all'Università di Durham, ha convenuto che in precedenza era impossibile misurare altri universi. Ha detto: L'idea intrigante nel lavoro di Hawking è che [il multiverso] ha lasciato la sua impronta sulla radiazione di fondo che permea il nostro universo e potremmo misurarlo con un rivelatore su un'astronave. Frenk sostiene che la scoperta di altri universi potrebbe cambiare completamente la nostra percezione del nostro posto nel cosmo».
Domenica 18 Marzo 2018, 15:04 - Ultimo aggiornamento: 18-03-2018 17:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-03-18 19:11:52
Tranquillo, neanche loro capiranno mai nulla fino a quando non metteranno nel conto l'esistenza di un Creatore, come fanno Zichichi ed altri
2018-03-18 18:03:26
Non me ne frega nulla. Richiede tempi che la durata di una vita non basta. Ho altro da pensare. Follow out troppo costoso da aspettare. Il mondo di tutti i giorni ha altri problemi da risolvere.
2018-03-18 17:57:54
livioimola è molto più semplice di ciò che sembra, soltanto che i termini e i concetti usati per spiegare che sono “pesanti”. Purtroppo, però, è altrettanto complicato trovare termini adatti per spiegarlo a persone non esperte in materia.
2018-03-18 16:25:56
Non ci capirò mai nulla
2018-03-18 18:34:32
....sei sicuramente una persona felice!

QUICKMAP