Banchetto cosmico: la Via Lattea e la Grande Nube di Magellano pronte a divorare una terza galassia

Una suggestiva immagine di stelle cadenti
Banchetto cosmico in arrivo. E' già stato ribattezzato così: la Via Lattea e la Grande Nube di Magellano si preparano a divorare una terza galassia, la Piccola Nube di Magellano. Lo indicano i segnali ricevuti dal grande radiotelescopio australiano Askap del Consiglio nazionale delle ricerche australiano e analizzati dal gruppo dell'astrofisica Naomi McClure-Griffiths, dell'Australian National University. «Le galassie grandi come la nostra hanno bisogno di 'mangiarè continuamente galassie più piccole per acquisire carburante e produrre nuove stelle. Altrimenti esauriscono le loro riserve di energia e muoiono. E' il ciclo della vita nello spazio», scrive la ricercatrice sul sito dell'università. «La Via Lattea - aggiunge - ha bisogno di mangiare galassie per continuare a produrre stelle».

McClure-Griffiths e la sua squadra della Scuola di Astronomia e Astrofisica dell'università hanno concentrato la ricerca sulla Piccola Nube di Magellano, la galassia nana dalla forma irregolare molto vicina alla Via Lattea e che contiene alcune centinaia di milioni di stelle. Distante circa 200.000 luce dalla nostra galassia, è uno degli oggetti più distanti visibili a occhio nudo. Un giorno però non ci sarà più, spiega McClure-Griffiths. La Piccola Nube di Magellano è destinata ad essere divorata da due galassie molto più grandi: nel corso di diversi miliardi di anni sarà completamente incorporata dentro di esse. La spia di questo processo sono le distorsioni che il radiotelescopio ha permesso di osservare ai margini della Piccola Nube di Magellano. 
Martedì 28 Novembre 2017, 16:19 - Ultimo aggiornamento: 30-11-2017 00:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-11-28 18:06:10
Forse sarebbe più esatto scrivere che la Via Lattea in un remoto futuro fagociterà la galassia della Piccola Nube di Magellano, annettendola al proprio interno.

QUICKMAP