Google, svolta nella privacy di Gmail: l'azienda non scansionerà più la posta per fini pubblicitari

Google non scandaglierà più a fini pubblicitari i messaggi di posta elettronica scambiati dagli utenti di Gmail. La novità è stata annunciata dalla compagnia, che in questo modo punta ad attrarre gli utenti business rassicurandoli sulla confidenzialità delle email. Google, che finora ha «letto» la posta degli utenti privati così da poter mostrare pubblicità personalizzate, ha reso noto che metterà fine a questa pratica per «meglio allineare» i suoi servizi di posta elettronica per utenti consumer e business.

I clienti aziendali, che pagano per l'uso della posta e di altre applicazioni contenute nella «G Suite», non sono infatti mai stati coinvolti dalla scansione delle email. «Dopo questo cambiamento, i contenuti di Gmail consumer non saranno usati o scansionati per la personalizzazione delle inserzioni pubblicitarie», ha scritto la compagnia sul suo blog. La scansione delle email, per entrambe le tipologie di utente, proseguirà invece per la sicurezza, in modo da identificare spam e tentativi di phishing e hakeraggio.
Lunedì 26 Giugno 2017, 19:01 - Ultimo aggiornamento: 28-06-2017 01:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP