Facebook, status che si autodistruggono per post «senza peli sulla lingua»

Saranno lunghi al massimo 101 caratteri. E avranno una particolarità, cioè quella di autodistruggersi a piacimenti. Sono gli status di profilo temporanei che Menlo Park sta testando, come ha confermato un portavoce della compagnia a BuzzFeed News. «Stiamo sperimentando un aggiornamento che consente alle persone di impostare uno stato temporaneo sul loro profilo», ha detto.
 
L’esperimento è iniziato la scorsa settimana su scala globale. I post, che si potrà anche decidere di mantenere in modo permanente e quindi trasformare in contenuti normali, riportano ai primi giorni di Facebook – commenta BuzzFeed che ha individuato il test in corso – quando la bacheca era popolata di parole invece che di video, link e pubblicità come oggi».

A cosa servirà? In particolare, a far sapere cosa stiano facendo o come si sentano in un certo momento. Quindi a dare al social una dimensione più dinamica e immediata. Per ciascun elemento si potrà impostare una data di scadenza, per chiamarla così, e decidere se quel testo dovrà apparire anche sulla bacheca, quindi essere proiettato agli amici, o solo sul proprio profilo, quindi risultare visibile solo se un utente si reca a sbirciare sul profilo di un altro contatto.
 
L’obiettivo è sempre quello di spingere le persone a condividere di più sulla newsfeed. Da Facebook Live alle Storie fino alle Giornate all’interno di Messenger, la spinta è infatti a tenere alto il coinvolgimento.
Giovedì 19 Ottobre 2017, 18:07 - Ultimo aggiornamento: 19-10-2017 18:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP