Facebook, giro di vite sulla privacy: aggiornate tutte le condizioni d'uso

di Sergio Governale

Per la prima volta dal 2015 Facebook sta aggiornando in modo consistente le condizioni d'uso e la normativa sull'uso dei dati dei suoi utenti. La decisione arriva a poche settimane dallo scandalo di Cambridge Analytica: la società di consulenza ha usato i dati di milioni di persone iscritte al social network per fare pubblicità politiche mirate, creando dubbi sul modo in cui Facebook gestisce le informazioni degli utenti. Sulla scia delle polemiche emerse a livello mondiale Facebook ha deciso dunque di dare un messaggio importante all'esterno: difendere i dati dei propri utenti è un compito fondamentale. Quali sono i principali cambiamenti? Aggiornerà la normativa sull'uso dei dati personali per i nuovi servizi, come Marketplace e Facebook Live. Renderà pubbliche le informazioni su come il gruppo condivide i dati che raccoglie su Facebook con quelli di Instagram e Whatsapp, due piattaforme di proprietà del colosso. Infine punterà a comunicare con maggiore trasparenza l'impegno sulla protezione dei dati. Su questo ultimo punto Facebook ricorda di non vendere dati a società esterne.

Intanto il fondatore Mark Zuckerberg sarà ascoltato l'11 aprile dalla commissione per il commercio e l'energia della Camera Usa per chiarire il ruolo di Facebook nella vicenda dei dati di 50 milioni di utenti usati illecitamente a scopi elettorali da Cambridge Analytica.
Mercoledì 4 Aprile 2018, 20:07 - Ultimo aggiornamento: 04-04-2018 23:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP