Schianto all'ingresso della città, vigile muore a pochi metri dal comando

ARTICOLI CORRELATI
di Mario DILIBERTO

  • 813
La frenetica corsa in ospedale dopo lo schianto purtroppo non è servita. Quel tentativo disperato non ha salvato la vita a Marcello La Gioia, vigile urbano tarantino di 49 anni. Troppo gravi le ferite riportate dall’agente nell’incidente stradale in cui è rimasto coinvolto in mattinata mentre si recava al lavoro.
Marcello La Gioia si è spento nel pronto soccorso dell’ospedale Santissima Annunziata. Per la disperazione dei familiari e dei colleghi che per primi lo hanno soccorso.
La tragedia si è consumata poco dopo le 8, in via Magnaghi, proprio all’altezza di via Acton, dove ha sede il comando della Polizia Locale. L’agente era in sella al suo scooter che, per cause in corso di accertamento, è entrato in collisione con un bus del Ctp e poi con una Nissan Juke. Difficile al momento ricostruire la dinamica dello scontro avvenuto nei pressi di un incrocio dotato di semaforo. Il vigile urbano, però, ha perso l’equilibrio ed il controllo della sua moto, rovinando pesantemente sul selciato.
L’allarme è scattato immediatamente e sul luogo del sinistro si sono precipitati proprio i colleghi di Marcello La Gioia. Tra i primi a giungere direttamente dal comando della Polizia Locale, che dista poche decine di metri dal luogo dello scontro, il capitano Raffaele Maragno che ha prestato i soccorsi al collega. È stato lui a sganciare il casco, che l’agente indossava regolarmente, e a valutare le condizioni del ferito, apparse subito gravi. Sul posto è arrivata anche una ambulanza del 118 con i sanitari che hanno provveduto immediatamente a stabilizzare il ferito.
Il vigile tarantino è stato imbarcato nell’ambulanza per la corsa a sirene spiegate verso il nosocomio, dove Marcello La Gioia è giunto in condizioni critiche. I medici hanno davvero fatto di tutto per strapparlo ad un destino davvero ingiusto. Ma non c’è stato nulla da fare.
Il 49enne è spirato poco dopo il suo arrivo al Santissima Annunziata. La notizia della tragedia si è sparsa immediatamente in città, anche perché Marcello La Gioia, che lascia la moglie e due figliolette, era molto conosciuto e stimato. Ed è rimbalzata subito nel comando di via Acton dove si sono vissuti momenti di autentica disperazione.
 
 
Mercoledì 17 Maggio 2017, 10:42 - Ultimo aggiornamento: 17-05-2017 23:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP