Ostia, Roberto Spada rompe il naso all'inviato di Nemo. Raggi: «Inaccettabile». E Casapound si dissocia

Ostia, Roberto Spada rompe il naso all'inviato di Nemo e si sfoga su Facebook: «La pazienza ha un limite»
ARTICOLI CORRELATI
di Mirko Polisano

14
  • 3851
Bufera a Ostia che domenica è andata al voto per le elezioni del X municipio. Martedì pomeriggio, due inviati di Nemo "Nessuno Escluso", il giornalista Daniele Piervincenzi e il filmmaker Edoardo Anselmi, sono stati violentemente aggrediti a Ostia da Roberto Spada, membro della famiglia Spada, nota alle cronache per diverse inchieste giudiziarie, e da un suo sodale.

LEGGI ANCHE ----> Cosa ha detto il reporter dopo l'aggressione

Martedì il giornalista Daniele Piervincenzi, che stava realizzando un servizio sul voto nel X Municipio, è andato davanti alla palestra gestita da Roberto Spada per chiedergli un commento sul suo sostegno a Casapound, adesione dichiarata sul suo profilo Facebook qualche giorno prima delle elezioni. Dopo aver risposto a diverse domande, improvvisamente Spada ha dato una violentissima testata a Piervincenzi e l'ha rincorso, picchiandolo con un bastone. Poi, insieme a un'altra persona, si è diretto verso il filmmaker, sferrando calci e pugni. Piervincenzi ha il setto nasale rotto e una prognosi di 30 giorni. Il servizio che mostra l’aggressione di cui Piervincenzi e Anselmi sono stati vittima andrà in onda domani sera a Nemo Nessuno escluso su Raidue alle 21,20.

Spada ha commentato su Facebook: «Perdonatemi, io comprendo e rispetto il lavoro di tutti, dopo un'ora e mezza di continuo "Non voglio rilasciare nessuna intervista", entrava a forza in una associazione per soli soci disturbando una sessione e spaventando mio figlio, voi che avreste fatto??? Negli ultimi 10 giorni sono venuti almeno 30 giornalisti a scoglionare. La pazienza ha un limite».

Raggi: "Violenza inaccettabile". «Violenza clan Spada inaccettabile. Solidarietà a giornalista e film maker aggrediti a Ostia. Fermeremo criminalità e estremismi a Roma». Così la sindaca di Roma Virginia Raggi commenta su Twitter l'aggressione alla troupe della Rai ad Ostia da parte di Roberto Spada.

Casapound: "Deprecabile". «Ci vuole poco a fare chiarezza. Roberto Spada non è un esponente di CasaPound. Con lui non condividiamo nulla, se non una sua presenza ad una festa per bambini in piazza 18 mesi fa. Non rispondiamo certo delle sue azioni e la violenza è sempre deprecabile». Lo scrive su twitter il vicepresidente di Casapound Simone Di Stefano.


----> Diventa fan di Leggo/Facebook <----





AGGRESSIONE TROUPE RAI: PROCEDE PROCURA ROMA Secondo quanto si è appreso dalle forze dell'ordine, gli atti in merito all'aggressione avvenuta a Ostia da parte di Roberto Spada a un giornalista e all'operatore della troupe tv di Nemo sono in mano alla Procura di Roma che procede sul caso.

"SPADA INDAGATO PER LESIONI", ACCERTAMENTI AFFIDATI ALLA DDA La procura di Roma ha aperto un'inchiesta per l'aggressione subita, ieri pomeriggio a Ostia, da un giornalista e da un operatore del programma «Nemo». Roberto Spada, ripreso dalla telecamera mentre colpisce con una testata il giornalista Daniele Piervincenzi, è al momento indagato per lesioni. Gli accertamenti saranno condotti dalla Dda di Roma.

MINNITI SEGUE CASO GIORNALISTI AGGREDITI A OSTIA, POLIZIA AL LAVORO A quanto si apprende, il ministro dell'Interno Marco Minniti sta seguendo personalmente dal Viminale la vicenda dell'aggressione subita dal giornalista e dalla troupe della Rai avvenuta oggi ad Ostia. Le Forze di Polizia «stanno lavorando sul caso perché i principi di legalità non sono derogabili e in Italia non possono esistere zone franche». Secondo fonti del Viminale il ministro Minniti considera la questione «molto grave per il fatto in sé, per la caratura dell'aggressore e perché è stato colpito un organo di stampa in campagna elettorale».

 
Mercoledì 8 Novembre 2017, 15:38 - Ultimo aggiornamento: 09-11-2017 11:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2017-11-09 09:33:13
altro materiale per saviano il prossimo libro o la prossima fiction sarà su ostia gomorrostia
2017-11-09 09:11:21
Su un albero di melo c'è una mela. In un delinquente c'è la violenza. Il figlio si è messo spaventato? E di cosa? Delle domande di un giornalista? Cuore tenero il ragazzo. il padre saprà come confortarlo.
2017-11-09 08:11:01
Questo "signore" dimostra con i fatti che vivere nella società civile non fa per lui : chiudetelo in galera.
2017-11-09 07:27:47
"Istigazione alla violenza".....zaldo zaldo ma che dite!!!! Certe persone meriterebbero essere rinchiuse.
2017-11-08 21:23:42
CasaPoind va chiusa per apologia del fascismo, L'Italia ha gia dato, basta. Vergogna a chi difende questo violento e mafioso.

QUICKMAP