Roberto Azzurro: «In scena da sopravvissuto, per me è un nuovo debutto»

di Luciano Giannini

«Trenta coltellate, quasi 400 punti di sutura, il tendine di una mano reciso, gola e pancia squarciate. Mi guardavo, così ridotto, e pensavo: sono morto eppure respiro ancora. Una sensazione orribile. Sono un sopravvissuto. In ospedale mi chiedevo: tornerò in scena, sarò più quello di prima. Far combaciare la mia vita dopo l'incidente con quella di prima è difficile; e ora calcare nuovamente le tavole di un palcoscenico mi dà la stessa sensazione che ebbi la prima volta, a 16 anni. Oggi ne ho 53. È come se debuttassi». Dopo l'aggressione subita il 4 agosto scorso alla Rotonda dei Pentri, nei pressi di Benevento, Roberto Azzurro torna a recitare. E, per farlo, ha scelto la sala di un caro amico, l'Elicantropo di Carlo Cerciello, dove, tra l'altro, insegna recitazione. Il presunto colpevole, il brasiliano Paulo Francisco Da Silva, arrestato poco dopo il tentato omicidio, è in carcere in attesa del processo, che dovrebbe cominciare tra non molto. «Le indagini, però - spiega Azzurro - non sono ancora chiuse e io non posso raccontare i fatti». «Il brasiliano mi aveva fatto delle avance che ho respinto». Questo dichiarò l'attore ai carabinieri appena giunto all'ospedale Rummo di Benevento. Ora aggiunge: «Ringrazierò sempre i suoi medici e gli infermieri. Mi hanno salvato».

Roberto, tornare all'Elicantropo acquista oggi un significato particolare.
«È la casa di un vero amico, facevo teatro con lui già quando avevo 20 anni; ma il mio è un doppio ritorno. Domani presenterò un monologo di Cristian Izzo, Scarrafunera. Il 7 dicembre, stavolta al Ridotto del Mercadante, avrò un rientro... come dire... più istituzionale con Oscar Wilde, il processo, che replico da sette anni. Sono stato il primo a mettere in scena le carte della causa che gli intentarono per la sua omosessualità. È lo spettacolo che mi rappresenta di più».

E «Scarrafunera»?
«È un breve poema in versi napoletani, in cui Izzo immagina uno scarafaggio che prende coscienza della propria inferiorità e, per tentare di riscattarsi, decide di uscire dalla tana e vedere quel che accade al piano di sopra, nel mondo. Ma scopre che tra i due universi non c'è, poi, molta differenza. Lo scarrafone crede di fare chi sa che, mentre resta sempre là dov'è. Per lui partire e muoversi sono la stessa cosa, mentre per muoversi veramente ci vuole il pensiero. Anche al piano di sopra spesso domina l'immobilità. Si fa un gran trambusto, ma quanti veramente agiscono e con efficacia? La coscienza, poi, lo induce a riflettere sul destino e sulla fine e, dunque, sulla bellezza della vita proprio quando sta per terminare. Così è stato per me... Mentre quello mi colpiva, ho finto di essere morto, pur di fermarlo. Ma non sono stato un bravo attore. Ho recitato male e lui mi ha infilato il coltello nel polmone e mi ha colpito alla testa con una pietra».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 29 Novembre 2017, 12:56 - Ultimo aggiornamento: 29-11-2017 12:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-11-29 13:19:49
a finale forse il brasiliano voleva soldi per un eventuale prestazione

QUICKMAP