Massimiliano Rossi all’Accademia Vesuviana del teatro e del cinema

Sarà Massimiliano Rossi l’ospite, nei mesi di novembre e dicembre, dell’Accademia Vesuviana del Teatro e del Cinema di Gianni Sallustro. Nella sede di via Ferrovie dello stato di Ottaviano l’attore terrà uno stage per tutto il mese di novembre con cadenza settimanale.

“Sono molto contento - dice Gianni Sallustro il fondatore e direttore artistico dell’accademia -  di questa collaborazione. Conosco da tempo Massimiliano che ho voluto premiare con Il “Talentum- il premio delle eccellenze” nella scorsa stagione. Apprezzo le sue doti artistiche ed umane. Abbiamo deciso di realizzare questo stage che prevede un percorso di training attoriale per lavorare su tecniche che seguono il modello psicofisiologico delle emozioni. Un’ulteriore occasione di crescita per gli allievi dell’Accademia che presto saranno anche impegnati in un’importante manifestazione organizzata dal Comune di Ottaviano all’interno del castello mediceo. Ritengo che persone come Massimiliano, artista affermato, possano essere delle valide guide per dei ragazzi che hanno scelto la difficile ed affascinante strada della recitazione”.

Primo incontro previsto è per venerdì 24 novembre 2017. Lo stage è a numero chiuso. Per info: 331 35 32 137- 081 528 94 61 

www.accademiavesuvianadelteatro.it
 
 
Massimiliano Rossi, nato a Napoli nel 1970, maturità classica, laurea in giurisprudenza.Fino al 92 ha fatto parte della compagnia diretta da Lello Ferrara al Teatro dei Rinnovati dove ha lavorato su autori come R. Viviani, G. Lorca, Leopardi, G. Feydau. Nel 1992 con Enzo Cannavale ha recitato in Miseria e nobiltà, nel 94 ha lavorato con la regia di Franco Però nel "Don Giovanni" interpretato da Gigi Savoia; con quest'ultimo ha lavorato sia come attore che come aiuto regia sino al 1996. Dal 99 sino al 2007 ha lavorato principalmente con il regista teatrale Carlo Cerciello, seguendo anche il suo laboratorio triennale diretto insieme ad Umberto Serra; gli spettacoli più significativi sono stati "Stanza 101" tratto dal romanzo di G. Orwell, con cui ha vinto il premio UBU e "Noccioline" di Fausto Paravidino con cui ha vinto il festival di Positano, "Office" di S. Kan dove ha ricevuto un premio come miglior attore.
Il suo primo film è stato "Il resto di Niente" di Antonietta de Lillo nel 2004. Il secondo film è stato "Fuoco su di me" di Lamberto Lambertini nel 2006, sempre nel 2006 prende parte come guest ad altre due puntate della "Squadra". Il terzo film è "Giallo" di Antonio Capuano. Lavora a "Una bella bistecca" di Ulrich Gerber con il Centro Sperimentale. Tra i lavori più interessanti possiamo citare la partecipazione nel film Mozzarella Stories (2011) di Edoardo De Angelis dove ha interpretato la parte di Dudo. Nel 2016 ha lavorato con Edoardo De Angelis ad Indivisibili dove ha interpretato la parte di Peppe che gli è valsa la nomination ai David di Donatelo come miglior attore non protagonista. Ha preso parte anche alla  prima serie di “Gomorra” nei panni di Zecchinetta.
 
L’Accademia Vesuviana del Teatro e del cinema di Gianni Sallustro nasce nel 2007ad Ottaviano dal bisogno concreto di offrire un servizio mai proposto fino a quel momento nel territorio vesuviano; far vivere il teatro, il cinema, la musica, la danza non più solo come passatempo o hobby, ma come arte da valorizzare e da affinare. Per questo, la scuola fondata da Gianni Sallustro offre una formazione professionale qualificata: una preparazione a tutto tondo da cui prende forma la figura di un artista che, con consapevolezza, dà voce alle sue capacità espressive. L’allievo viene immerso in un percorso completo teorico-pratico che spazia dall’arte drammatica allo studio del parlato, dal mimo alla danza, dal canto alla regia. In questo modo, impara ad usare al meglio i propri mezzi: mente (intelligenza), cuore (sentimento), corpo (espressione) e voce (comunicazione)
 
Dal 2007 (anno di fondazione), diversi sono i riconoscimenti avuti:

-Nel 2012 Attestato di benemerenza per la legalità della Polizia di Stato
-Nel 2014 Medaglia Aurata al merito dalla Norman Academy
-Nel 2015, entra a far parte della Biblioteca digitale sulla camorra e cultura della legalità dell’Università degli Studi di Napoli Federico I
Sabato 11 Novembre 2017, 17:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP