Sanremo, fuori a sorpresa Al Bano, Ron, Gigi D'Alessio e Giusy Ferreri. Lele trionfa tra i giovani

ARTICOLI CORRELATI
0
  • 2272
Il Festival di Sanremo consegna il primo verdetto e incorona Lele vincitore tra i Giovani: l'ex concorrente di Amici, nato a Pollena Trocchia, che riceve l'abbraccio di Maria De Filippi ma non dimentica di ringraziare Carlo Conti, supera al rush finale Maldestro - un altro napoletano - che si aggiudica però il premio della critica Mia Martini. 

Non proseguono la corsa per la finalissima, clamorosamente, Giusy Ferreri, Ron, Al Bano, Gigi D’Alessio. Con relativi fischi in sala stampa. A decretare il risultato delle prime sedici in classifica dei Campioni, e a escluderne quattro dal totale delle venti in gara, il voto congiunto di Televoto, Giuria degli Esperti e Giuria Demoscopica. 

 
 

I campioni che potrebbero salire sul podio della 67esima edizione del Festival di Sanremo, saranno quindi: Chiara (Nessun posto è casa mia), Samuel (Vedrai), Ermal Meta (Vietato Morire), Michele Bravi (Il diario degli errori), Fiorella Mannoia (Che sia benedetta), Clementino (Ragazzi fuori), Lodovica Comello (Il cielo non mi basta), Paola Turci (Fatti bella per te),  Marco Masini (Spostato di un secondo), Francesco Gabbani (Occidentali’s Karma), Michele Zarrillo (Mani nelle mani), Bianca Atzei (Ora esisti solo tu), Sergio Sylvestre (Con te), Elodie (Tutta colpa mia), Fabrizio Moro (Portami via), Alessio Bernabei (Nel mezzo di un applauso).

Ad accendere l'Ariston stasera è la bellezza folgorante di Marica Pellegrinelli, che canta Arisa e non Eros, mentre Virginia Raffaele, che torna dopo l'exploit dello scorso anno, interpreta una svagata Sandra Milo, in abito e labbra rosso fiammante, che non rinuncia al ruolo da seduttrice. Maurizio Crozza mette nel mirino ancora l'ex premier Renzi e punzecchia Carlo Conti sui rumors che lo vorrebbero in partenza per Mediaset: «Carlo e Maria, Maria e Carlo, ormai siete inseparabili: dove va l'uno va l'altra, Maria per amore di Carlo è venuta in Rai, Carlo per amore di Maria... va beh, per ora c'è una trattativa...». 


Il comico, che lancia il 'sanremellum' come nuovo sistema elettorale («cinque giorni di campagna elettorale, televoto e via»), si chiede cosa sia rimasto dei tre anni di governo Renzi: «il senato è rimasto uguale, il jobs act non funziona, le province sono là. In tre anni impari a suonare l'ukulele. Che cazzo te ne fai, direte? E perché di Renzi che cazzo te ne fai?». E poi: «Carlo hai fatto più tu in tre anni di festival: hai riciclato Arisa, hai sdoganato Gabriel Garko e ora stai cercando di rendere più umana Maria De Filippi». Lei se la ride, dopo aver lanciato la 'faccia da festival', dentoni alla Alberto Sordi, cioè il sorriso fisso di ordinanza per il perfetto conduttore. Sul palco stasera i venti Big rimasti in gara.

Ad aprire Ron, ripescato dopo il rischio eliminazione, poi Chiara, Samuel, Al Bano per cui è venuta a fare il tifo la figlia Cristel, l'applauditissimo Ermal Meta dopo la vittoria nella serata dedicata alle cover, Michele Bravi, Fiorella Mannoia, Clementino, Lodovica Comello, Gigi D'Alessio, Paola Turci (sexy nella mise bianca), Marco Masini, Francesco Gabbani (che 'rubà il look da scimmione al ballerino che lo accompagna), Michele Zarrillo, Bianca Atzei emozionata fino alle lacrime, Sergio Sylvestre, Elodie, Fabrizio Moro, Giusy Ferreri e Alessio Bernabei. Ma l'attesa è tutta per lei, Virginia, che l'anno scorso ha stregato il pubblico con le parodie di Carla Fracci, Donatella Versace, Sabrina Ferilli e Belen Rodriguez. Stasera è Sandra Milo e nell'intervista con Conti gioca a fare la super svampita e a parlare dei suoi amanti.

«C'è stato Fellini, Craxi, nel frattempo tre mariti... Tu dirai che noia? Sì, ma avevo anche due 'trombamicì». «Nella tua carriera - incalza Conti - c'è stato De Sica, Flaiano, Totò, Mastroianni...». E Virginia: «No Totò no... Ah, tu parlavi di recitare.. Allora sì, anche Totò». Girotondo finale con Conti e Maria De Filippi, sulle note della marcetta di Otto e mezzo di Fellini. L'eroe del quotidiano stasera è Gaetano Moscato, il nonno sopravvissuto alla strage di Nizza del 14 luglio, quando un Tir lanciato sulla folla uccise 85 persone, provocando centinaia di feriti. Moscato mise in salvo figli e nipoti e fu investito dal Tir che gli amputò la gamba. Con lui c'è il nipote Filippo, che quella sera si occupò di chiamare i soccorsi.

«A volte non si capisce quanto la normalità sia il bene più prezioso», commenta Maria De Filippi. L'ovazione è per Beppe Vessicchio, il direttore d'orchestra, storica presenza sul podio del festival, 'assente di lussò, e per Giorgio Moroder, presidente della giuria di qualità, celebrato da un medley cantato da Karen Harding - con Take my breath away, Hot stuff, What a feeling, Call me - che trascina tutto il pubblico in sala. Tra gli ospiti di casa nostra, Antonella Clerici che torna all'Ariston sette anni dopo, e Luca Zingaretti, in versione cantante con Vita spericolata di Vasco Rossi.
Venerdì 10 Febbraio 2017, 21:13 - Ultimo aggiornamento: 11-02-2017 18:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP