Young Signorino, vola un bicchiere sul palco: al primo concerto litiga con un fan

Young Signorino, vola un bicchiere sul palco: al primo concerto litiga con un fan
Era il suo primo concerto, dopo il dietrofront con figuraccia a Roma di pochi giorni prima. E Young Signorino, uno dei trapper emergenti più discussi sul web, non ha tradito le attese, con tanto di lite con uno dei suoi fans. Durante l’esibizione live, a Padova, un bicchiere lanciato sul palco ha fatto infatti infuriare il giovane artista, che gli ha risposto a suon di rime: «Hai rotto il c***o compare fidati, non sbagliare frate. Ti smonto coi versi frate, stai attento compare. Mi ricordo, stai attento». 



Il cantante ha continuato il suo concerto, trattenuto da un bodyguard, cambiando il testo della sua Mmh ha ha ha, la sua canzone più famosa (13 miilioni di visualizzazioni su YouTube) inserendo
«Non lanciare pù il bicchiere» nel testo del pezzo. Pochi giorni prima, il 25 maggio, Young Signorino avrebbe dovuto esibirsi a Roma, ma con una story su Instagram aveva comunicato l’annullamento: «È successo - scriveva - che gli organizzatori del locale mi hanno causato dei problemi psicologici oltre che organizzativi, 400 biglietti venduti e sono veramente dispiaciuto! Ci rivediamo presto Roma». Il 2 giugno intanto parte il suo tour che lo porterà in mezza Italia, dalla sua città natia, Cesena, a Imola, Bassano del Grappa, Firenze, Torino, Brescia e Milano.



CHI È YOUNG SIGNORINO 
All’anagrafe è Paolo Caputo, ha 19 anni e un figlio, viene da Cesena, fa una sorta di trap che sul web qualcuno definisce ‘dadaista’ perché destruttura i testi, punta sulla ossessiva ripetizione di parole senza alcuna logica e, come ogni progetto eccessivo, divide il pubblico sulla risposta alla domanda: ci è o ci fa?
​I titoli dei suoi pezzi sono Dolce droga, La danza dell’ambulanza e Mmh ha ha ha, che supera i dieci milioni di visualizzazioni, anche se a ben leggere i commenti sono quasi tutti negativi.
 
 

Uh ah ah ah🤭💕

Un post condiviso da Young Signorino (@young_signorino) in data:


In pratica è riuscito a fare più haters di Bello Figo e Sfera Ebbasta, ma l’odio digitale genera movimento, i numeri si impennano e la curiosità per il personaggio dal vivo aumenta. Si considera il Marilyn Manson italiano, tatuaggi in faccia e curriculum clinico da spavento: così giovane è andato già in coma per overdose da farmaci e ha dimestichezza con i reparti psichiatrici. Il vanto delle sue allucinazioni finisce in musica, altamente sconsigliata ai più piccoli senza facoltà di discernimento, facili bersagli di You Tube. 
Giovedì 31 Maggio 2018, 21:38 - Ultimo aggiornamento: 31-05-2018 21:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-06-01 08:22:42
?

QUICKMAP