Maneskin alla prova del live
il colpo d'occhio c'è, il sound meno

I Maneskin alla Casa della Musica
ARTICOLI CORRELATI
di Federico Vacalebre

1
  • 22
Il colpo d’occhio è straniante: sul palco c’è un ragazzo a torso nudo stile Iggy Pop (ho detto stile, andiamoci piano) che urla stile David Johansen (ho detto stile, andiamoci piano), accanto a lui una ragazza in pantaloncini e reggiseno che sculetta agitando il suo basso come farebbe Poison Ivy sulla chitarra (andiamoci sempre piano). Sotto il palco della Casa della Musica milleduecento ragazzine e bimbe che con il rock and roll non hanno mai giocato prima e chissà se giocheranno mai più.
E allora, chi sono questi Maneskin, secondi classificati all’ultimo «X Factor» dietro l’incolore Licitra, quartetto sull’orlo della maggiore età che è piaciuto anche a certa critica? La scaletta riassume quanto proposto nel talent show e si apre con «Let’s get it started» dei Black Eyes Peas: Damiano (David) ha voce (anche se la perde per strada) e phisique du role, Victoria (De Angelis) al basso solletica il testosterone dei (pochi) maschietti, Thomas «er cobra» (soprannome di origine hot, dice la leggenda) Raggi non è un guitar hero, Ethan Torchio pesta sulla batteria provando a non perdere il tempo quando i compagni complottano contro di lui.
Il repertorio originale, inevitabilmente, non è all’altezza delle cover: «Master blaster» di Stevie Wonder, addirittura «Gimme shelter» degli Stones, «Gangsta’s paradise» di Coolio, «Beggin’» di Frankie Valli, «Somebody told me» dei Killers, «Un temporale» di Ghemon, «Vengo dalla luna» di Caparezza, ma «Chosen» funzionicchia, ha un buon gancio alla Rhcp. Damiano usa nuance funky e reggae, è animalesco ma con poca naturalezza, si sbatte come da coreografia prevista, sino alla lap dance finale al palo, puro sex appeal dell’inorganico.
Sì, ma insomma ‘sti Maneskin? L’attitudine c’è, un album dirà presto se diventeranno qualcosa più di una cover band da bar.
Lunedì 26 Febbraio 2018, 11:25 - Ultimo aggiornamento: 26-02-2018 11:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-02-26 11:55:49
Comete da baraccone talent. Senza lap dance, tacchi a spillo e canotte a rete ma chi li sentirebbe? In effetti di che ci meravigliamo? Basta guardare il livello intellettuale e culturale degli adolescenti di oggi, figli di una bulimica quantita' di fenomeni che come appaiono cosi scompaiono. Come dei Kleenex usa e getta. Buoni solo per un momento.

QUICKMAP