«La Fanciulla del West» apre la stagione al San Carlo

ARTICOLI CORRELATI
di Rossella Grasso

1
  • 20
Mancava da 42 anni sulle scene «La fanciulla del West» di Giacomo Puccini, l'opera che oggi ha aperto la stagione lirica 2017-2018 del Teatro San Carlo. Tanti big sono accorsi all'evento, soprattutto campani, mentre tra i ministri attesi solo Claudio De Vincenti, ministro per il Mezzogiorno si è seduto nel palco reale per assistere alla prestigiosa prima, accanto al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Dall'altra parte del Palco, invece, il sindaco Luigi de Magistris. «La prima al San Carlo è importantissima per l'opera lirica italiana - ha detto il ministro per il Mezzogiorno Claudio Vincenti - parliamo del teatro di maggior tradizione del nostro Paese. Credo che la prima qui sia rappresentativa di tutta l'Opera italaia. Il San Carlo sta vivendo una stagione straordinaria già da qualche anno e credo che sia un bel simbolo delle straordinarie potenzialità della cultura e delle capacità del Mezzogiorno».
 

Tra i presenti alla prima, il segretario generale della Presidenza del Consiglio Paolo Aquilanti, il giudice costituzionale Giuliano Amato, il Procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho, il presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione Raffaele Cantone, il prefetto di Napoli Carmela Pagano, il presidente della Metropolitana di Napoli Ennio Cascetta e altre personalità istituzionali, dell’imprenditoria e della cultura. 

«La ragazza del West è la scelta di un titolo che rappresenta il riscatto – ha detto Rosanna Purchia, sovrintendente del Teatro San Carlo – Un grande titolo per una grande apertura di un teatro che ha saputo come uscire dalla crisi attraverso la tenacia dei suoi lavoratori e grazie al supporto delle istituzioni».«La fanciulla del West», opera in tre atti di Giacomo Puccini, su libretto di Guelfo Civinini e Carlo Zangarini, è diretta da Juraj Valčuha, con un nuovo allestimento interamente firmato dall’argentino Hugo De Ana, tra i maggiori registi internazionali. L’opera fu messa in scena per la prima volta al Teatro Metropolitan di New York e vide tra i suoi interpreti il napoletano Enrico Caruso.
 
 

Per la grande occasione un cast d’eccezione con interpreti dei maggiori teatri europei. Minnie, protagonista in un mondo duro e praticamente al maschile, è interpretata dal soprano statunitense Emily Magee e da Rebeka Lokar. Lo sceriffo Jack Rance avrà la voce di Claudio Sgura; il bandito Ramerrez Dick Johnson quella di Roberto Aronica e di Marco Berti. Il cast si completa con Bruno Lazzaretti nel ruolo di Nick, John Paul Huckle , in quello di Ashby, Gianfranco Montresor, Sonora, Paolo Orecchia, Sid, Antonello Ceron, Trin, Tommaso Barea, Bello, Orlando Polidoro, Harry, Enrico Cossutta, Joe, Ivan Marino, Happy, Donato Di Gioia, Larkens, Enrico Marchesini, Billy Jackrabbit, Alessandra Visentin, Wowkle, Carlo Checchi, Jake Wallace, Francesco Musinu, José Castro, Armando Valentino, Un postiglione.
 

Dopo la rappresentazione la serata continua nel Foyer degli specchi con una cena esclusiva per 200 persone organizzata da Anna Normale. Il ricco addobbo, tra gemme e pietre preziose fa da cornice all’evento. La prima è anche l’occasione per esporre la mostra fotografica sulle stazioni dell’arte a cura di Metropolitana di Napoli e una esposizione di rifacimenti di diamanti storici con la nuova e preziosa creazione «Velario», un gioiello ispirato al velario del Cammarano del San Carlo, della Compagnia dei Diamanti.
Sabato 9 Dicembre 2017, 20:43 - Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre, 16:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-12-10 22:04:22
Ho l'impressione dal vostro servizio che i partecipanti ci tenessero piu a farsi vedere che a vedere . Bella l'intervista al nostro sindaco....

QUICKMAP