Jovanotti fan di «Gomorrah sound»

ARTICOLI CORRELATI
Si intitola « Gomorrah sound» il documentario disponibile on line su Red Bull Tv. Il docufilm mostra al grande pubblico internazionale il lato meno noto e più oscuro della città di «’O sole mio» e della melodia romantica in un racconto dettagliato su come la soundtrack della serie televisiva di Sky abbia rielaborato e rinnovato l’immaginario e il suono di Napoli. Diretto da Beppe Tufarulo e prodotto da TapeLessFilm. « Gomorrah sound» attraversa le diverse anime musicali che convivono nella serie: dal rap alla scena neomelodica passando per il post-rock. E spiega quanto il suono di «Gomorra» sia al tempo stesso debitore e innovatore rispetto alla tradizione partenopea.
I luoghi mostrati sono quelli della serie, dalle Vele di Scampia in poi, le voci ascoltate - tra musica e interviste - sono quelle rap di Lucariello, Luchè, Enzo Dog e Nto e quelle neomelodiche di Franco Ricciardi, Alessio e Ivan Granatino. Il tutto inquadrato in un più ampio panorama dal critico de «Il Mattino» Federico Vacalebre, che permette di comprendere il quadro sociale e sonoro in cui nascono e si incrociano le forme della canzone popolare newpolitana, e dal professor Marcello Ravveduto.
Tra i fans delle prime ore del docufilm c'è uno che di rap e di canzone popolare se ne intende, come Jovanotti, che ieri ha postato sul suo profilo facebook i suoi complimenti: «Molto bello questo documentario sulla musica napoletana prodotto dai miei amici di Red Bull TV, partendo dalla colonna sonora della serie Gomorra (che è davvero super) per descrivere una realtà interessantissima e autentica di una forma d'arte legata ad una terra».
Per vedere il filmato:
https://www.redbull.tv/film/AP-1NVARPR4W1W11/gomorrah-sound
Venerdì 28 Ottobre 2016, 15:30 - Ultimo aggiornamento: 28-10-2016 15:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP