Cate Blanchett guiderà la Giuria
al 71mo Festival di Cannes

Cate Blanchett sul red carpet di Cannes
di Gloria Satta

Cate Blanchett regina di Cannes. Sarà l’attrice australiana, due Oscar e una carriera leggendaria sempre divisa tra cinema e teatro, a guidare la Giuria del 71mo Festival in programma dal 9 al 18 maggio prossimi. E’ la dodicesima volta che il prestigioso incarico, ricoperto in passato anche da Sofia Loren, Ingrid Bergman e Isabelle Huppert, va ad una donna.
“Finora ero stata a Cannes come attrice, come produttrice, come ospite delle serate di gala e perfino al Marché”, ha dichiarato la grande attrice, “ma non mi era mai capitato di partecipare al Festival per il puro piacere di approfittare dell’abbondanza dei grandi film, che sulla Croisette sono di casa. “Il privilegio, che mi è stato accordato, di presiedere la Giuria, e la responsabilità che avrò mi inducono alla massima umiltà. Cannes gioca un ruolo di primo piano nell’ambizione, comune al mondo, di conoscersi un po’ meglio raccontando delle storie sullo schermo: è un tentativo strano e vitale che tutti i popoli condividono, capiscono e desiderano ardentemente”.
Cate succede a Pedro Aòlmdòvar, che ha guidato la Giuria della 70ma edizione del Festival e attributo la Palma d’oro a “The Square” del regista svedese Ruben Östlund.
Pierre Lescure, presidente del Festival e Thierry Frémaux, Délégué général, esprimono tutta la loro soddisfazione: “Siamo felicissimi di accogliere un’artista rara e singolare, il cui talento e le cui convinzioni illuminano sia lo schermo sia il palcoscenico del teatro. Le conversazioni che abbiamo avuto nello scorso autunno ci assicurano che Blanchett sarà una presidente impegnata, una donna appassionata e una spettatrice generosa”.
Cate Blanchett ha recitato nella trilogia del “Signore degli anelli di Peter Jackson, nei film Lo strano caso di Benjamin Button di David Fincher, Babel di Alejandro González Iñárritu, La via acquatica di Wes Anderson, The Good German di Steven Soderbergh, Coffee and Cigarettes di Jim Jarmusch. Tra i registi che l’hanno diretta figurano anche Steven Spielberg, Terrence Malick, Sally Potter, Ridley Scott, Woody Allen eTodd Haynes.
Ha diretto con il marito Andrew Upton la Compagnia teatrale di Sydney tra il 2008 e il 2013 e ha ricevuto numerosi premi  a New York, Washington, Londra, Parigi, ovviamente Sidney.
 Nel 2004 ha vinto l’Oscar come migliore attrice non protagonista per il ruolo di Katharine Hepburn in “The Aviator” di Scorsese. Nel 2014 ha replicato aggiudicandosi la statuetta per la migliore protagonista grazie a “Blue Jasmine” di Woody Allen, in cui interpretava magistralmente una donna nevrotica e bugiarda.
 
Giovedì 4 Gennaio 2018, 11:30 - Ultimo aggiornamento: 04-01-2018 11:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP