Morto il maestro Bruno Canfora, scrisse per Mina e le Kessler

Mina con Bruno Canfora
di Federico Vacalebre

0
  • 46
Direttore d’orchestra «all’americana», capace di unire il senso della melodia a quello del ritmo e dello spettacolo, da compositore è stato una delle firme vincenti di un’epoca d’oro della musica leggera italiana. Bruno Canfora (6/11/1924) è morto l’altro ieri nella sua casa in Valnestore, vicino Tavernelle, alle porte di Perugia, dove è vissuto dopo il ritiro dalle scene.
Milanese di orizzonti internazionali - si era ritrovato a suonare musiche di Broadway in Germania - lavorò per la radio e, nel ‘61, fu chiamato a dirigere una delle due orchestre del Festival di Sanremo, aprendo una decade per lui foriera di grandi soddisfazioni e divenendo bacchetta - e volto - noto del piccolo schermo, passando per «Canzonissima» e, soprattutto, «Studio Uno». Sue le sigle di celeberrime trasmissioni tv in bianco e nero, da «Vorrei che fosse amore» al funambolismo in stile vocalese di «Brava», pensate per Mina con cui cementò un rapporto privilegiato, da «Mi sei scoppiato dentro il cuore» a «Vorrei che fosse amore». Dal podio ammiccava alle telecamere, scherzava con il pubblico e i cantanti, anzi soprattutto le cantanti. Ha firmato le musiche di «Fortissimo», «Il ballo del mattone» e «Il geghegè» per Rita Pavone; di «Da-da-unpa», «La notte è piccola» e «Quelli belli come noi» per Alice e Ellen Kessler; di «Zum-zum-zum» per Sylvie Vartan; «La vita» che Shirley Bassey portò al Sanremo del 1968 su testo di Amurri, uno dei suoi parolieri preferiti, prima di trasformarla in «This is my life»; «Tutta la gente del mondo» per Ornella Vanoni; ma anche «Stasera mi butto» per Rocky Roberts. Per Pietro Garinei e Sandro Giovannini scrisse gli spartiti di commedie musicali come «Viola violino e viola d’amore», «Angeli in bandiera» e «Un angelo è sceso a Brooklyn». L’ultima volta che l’abbiamo visto in Rai risale al 1995, il programma si intitolava «Papaveri e papere».
Insomma un protagonista a tutto tondo di una stagione in cui la musica seppe entrare nella tv e la tv seppe usare la musica, senza snobismi e andando oltre la routine. Canfora aveva sulle punte della dita - e della bacchetta - lo swing, senza mai rinnegare la melodia nostrana, inseguiva la ballabilità come valore, fedele al mandato nazionalpopolare che gli veniva dal ruolo ricoperto, a Sanremo, a «Canzonissima». Con le orchestre Rai, con Nostra Signora della Canzone, con Peldicarota, con le gemelle tedesche dalla coscia lunghissima. Ma che musica, maestro.
Domenica 6 Agosto 2017, 10:01 - Ultimo aggiornamento: 07-08-2017 18:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP