Billie Joe Armstrong, il leader dei Green Day a Viggiano: «E' la terra dei miei trisnonni»

Bille Jean Armstrong
ARTICOLI CORRELATI
di Umberto Di Micco

0
  • 1270
BillieJoe Armstrong a Viggiano, piccolo paese di tremila abitanti in provincia di Potenza, alla scoperta delle sue radici del Sud Italia. Era lo scorso febbraio quando il leader dei Green Day pubblicò sui Instagram un certificato di nascita dei suo avi di origine italiana, chiedendo aiuto sul web per risalire al paese natio. La scoperta che i suoi trisnonni italiani emigrarono da Viggiano verso gli States lo aveva incuriosito a tal punto da desiderare di visitare il piccolo paese lucano della Val d’Agri, in provincia di Potenza: «I would love to vistit Viggiano!», esclamava un post.
Dopo l’invito ufficiale del sindaco, Amedeo Cicala, la rockstar californiana è arrivata in Basilicata giovedì sera, proveniente da Cannes.
 


Billie Joe, atterrato all’aeroporto di Capodichino, Napoli, giovedì pomeriggio si è diretto subito verso la Val D’Agri per visitare Viggiano e la casa dei suo trisnonni, Pietro Marsicano (nato a Viggiano il 17 agosto 1831) e Teresa Nigro (nata a Viggiano il 2 dicembre 1833). I trisnonni dell'uomo di «Dookie» e «American idiot» partirono in cerca di fortuna dalla cittadina lucana trasferendosi a  Berkeley, in California, intorno al 1869. Andrew Marsicano, il loro primogenito, ebbe una figlia che chiamò Frances Myrtle e che dette alla luce Andrew Marsicano Armstrong, padre di Billie Joe. Strada facendo il musicista non ha mancato di tweettare foto che indicassero il suo percoerso e la sua meta.

Nel corso dell’Ottocento molti viggianesi  emigrarono negli Stati Uniti (come Nigro e Marsicano) iniziando la loro carriera nei circuiti internazionali più importanti, tra questi: Leonardo, Francesco e Giuseppe De Lorenzo, Albert e Victor Salvi, Nicola Reale, Salvatore Mario De Stefano, Francesco Miglionico, al pari dei trisnonni di Armstrong, che hanno avuto il privilegio di esibirsi nelle orchestre e nei teatri più importanti del mondo. Il legame tra Viggiano e i suoi musicanti si è consolidato dopo il terribile terremoto del 1857 che distrusse il paese, ricostruito negli anni successivi solo grazie al benessere dei tanti musicisti girovaghi, i quali, suonando nelle principali città d'Europa e degli Stati Uniti inviarono i loro risparmi alle famiglie.

Grazie alla musica quindi, Viggiano «trasformò in casa ogni tugurio» e ogni musicante espresse la gratitudine verso il proprio strumento inserendo nella chiave di volta del portale il simbolo dell’arpa e degli strumenti musicali.
Questa affascinante tradizione secolare, narrata anche da Giovanni Pascoli, scorre anche nelle vene del frontman dei Green Day che è fortemente legato a questo posto. Infatti,  anche la sua insegnante di canto, Louise Fiatarone è originaria di Viggiano. Fu grazie a lei, e al marito James Fiatarone, che il piccolo Billie Joe debuttò a 5 anni con il disco «Look for love». Il motto di Marie Louise, a cui Armstrong è rimasto molto affezionato, era «La musica bella è la lingua di Dio», frase con cui ancora oggi i Green Day salutano il pubblico ai loro concerti in Italia.

Nell’ultimo decennio c’è stata una forte riscoperta della tradizione musicale e arpistica viggianese, tanto che sono nate una liuteria, un prestigioso festival dedicato all’arpa viggianese diretto da Vincenzo Zitello e soprattutto una scuola d’arpa che ha visto e vede coinvolti molti giovanissimi del posto.

E proprio quattro giovani arpiste viggianesi – Dafne Nardella, Caterina Setaro, Francesca Stella e Antonella Pecorario - daranno vita a un mini live con le loro arpe in onore di Billie Joe Armstrong e delle suo origini, eseguendo oggi pomeriggio in un luogo top secret per uno spettatore d’eccezione un medley di tre brani, due della tradizione popolare lucana – «Tarantella di Armento»  e «Tarantella capuanese» – e un classico dei Green Day.
 
Sabato 23 Giugno 2018, 00:55 - Ultimo aggiornamento: 23-06-2018 12:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP