Sara Tommasi bipolare: «Ero un morto che camminava». Parla a Le Iene dopo 4 anni di incubo Video

Sara Tommasi bipolare: «Ero un morto che camminava». Parla a Le Iene dopo 4 anni di incubo Video
ARTICOLI CORRELATI
di Domenico Zurlo

Sara Tommasi, dopo tanto tempo, è tornata a parlare e lo ha fatto con Le Iene, che l'hanno intervistata nella puntata andata in onda mercoledì. La malattia, la sofferenza, quel film hard di cui ha parlato tutta Italia con alcune persone che hanno sfruttato la sua fragilità: «Pensavo di non venirne più fuori, di morire. Questa malattia non ti dà più energie, è come se fossi un automa, una marionetta», ha detto Sara.

Sara Tommasi e il porno, l'ex fidanzato sotto accusa

«Ora che ho riacquistato la salute sto meglio. Mi sono ricordata chi ero - continua Sara, laureata alla Bocconi, modella, showgirl per anni in televisione - Avevo bisogno di aiuto, ero un morto che camminava. Il disturbo di cui ho sofferto, il bipolarismo, ti toglie energie, non sei più capace a fare niente, a prendere un taxi, non ti ricordi chi sei, non sai dove andare».

Le prostitute italiane in Svizzera: «In Italia troppe tasse, qui 15mila euro al mese»

Tante persone hanno sfruttato quei momenti di debolezza per portarla ad eccessi di cui ora è pentita. «Quelle cose non mi appartengono - dice - Non ero assolutamente io. Non parlavo bene, non mi ricordavo le frasi. Non ce l’ho con nessuno, do colpa soprattutto a me stessa». Un periodo lungo 4 anni. «Sono stata in ospedale per cinque mesi, quando sono uscita mi sentivo invalida - conclude - i farmaci per fortuna mi hanno permesso di uscirne».

L'assessore alla Legalità con mezza villa abusiva: «Me ne fotto». E il sindaco ride Video

Ciò che ha fatto in quegli anni le porta anche episodi antipatici: alcune persone, quando la trovano per strada, la apostrofano in maniera poco simpatica. «Mi capita che magari sono in giro e viene qualche idiota a dirmi "andiamo...". Io mi vergogno di ciò che ho fatto, queste cose mi portano a chiudermi in casa e a non uscire. Per fortuna ho la mia famiglia, da loro mi sento amata».
Mercoledì 18 Aprile 2018, 23:01 - Ultimo aggiornamento: 7 Giugno, 15:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP