Grande Fratello, Selvaggia Lucarelli contro Barbara D'Urso: «Un'armata Brancaleone di casi umani e gli sponsor abbandonano»

ARTICOLI CORRELATI
di Emiliana Costa

Grande Fratello nel mirino di Selvaggia Lucarelli. L'opionionista ha appena condiviso sul suo profilo Facebook una riflessione al vetriolo sul reality condotto da Barbara D'Urso. Ed è subito boom di like.

La produzione entra in diretta nella Casa: «Questi li sequestriamo...». Ecco cosa hanno portato via

Nel post, la giurata di Ballando con le Stelle paragona la prima storica edizione del programma con l'ultima in onda su Canale 5. «Il Grande fratello - spiega - nella sua prima edizione fu un’esperienza antropologica e sociologica davvero interessante... Oggi è tutto il contrario. I personaggi sono tutti molto lontani dalla normalità, quindi gli eccessi sono dentro la casa. Fuori, al netto di qualche ospitata durante le prime settimane dall’uscita o gossip decisi a tavolino, non succede più nulla. Nessuno guadagna più soldi in quantità e successo duraturo».

L'opinionista parla anche del caso bullismo: «'Sono dalla parte delle donne, sono dalla parte dei gay, che brutta cosa il razzismo blablabla'. Poi nella casa ci metti dentro chi? Un nero gay che ha evidentemente problemi nella gestione dell’aggressività, cosa che naturalmente ha scatenato una furia di commenti razzisti e omofobi. Bel modo di dare una mano alla causa. Anzi, alle cause».



E sul Ken umano Rodrigo Alves, ospite per qualche giorno nella casa del Gf, ecco le parole di Selvaggia: «Poi, siccome anche il concetto di accettazione di sé e del proprio aspetto è qualcosa che sta molto a cuore al Gf e che andava rappresentato al meglio, chi mettono nella casa in corsa? Un tizio tutto rifatto e poi, siccome non bastava, pure il Ken umano. Non un grasso felice e simpatico. O sinceramente complessato, empatico, onesto. No. Uno che vive sotto i ferri nel tentativo di somigliare a una bambola di plastica, col risultato di essere diventato un fenomeno da baraccone da ospitare in tv tra grasse (quelle sì) risate. Ci si ride su ma la dismorfofobia non è uno scherzo. Questo tizio non ha una reale percezione di sè, è un borderline. Si può far finta di non capirlo e trattarlo come un personaggio naïf, ma non lo è. Si sottopone ad operazione e anestesie continue perchè la sua immagine non corrisponde alle sue aspettative, questa è una patologia, mica un gioco. Un altro modello sano, positivo».

Il Grande Fratello non piace più agli sponsor: cosa accadrà in casa, i comunicati ufficiali delle aziende

Conclude Selvaggia: «E se gli sponsor, da Nintendo a tutti gli altri, per la prima volta della storia dei reality prendono le distanze dal programma che hanno sponsorizzato, Se il TELEFONO ROSA si lamenta del programma, beh, qualche domanda dovresti fartela. Col cuore. Anzi, no: con la testa. Perchè quella che hai deciso di rappresentare in tv non è la gente. È la tua idea di spettacolo. E gli ascolti non sono l’assoluzione. Al limite, sono la colpa».

 
Sabato 12 Maggio 2018, 14:23 - Ultimo aggiornamento: 8 Giugno, 10:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP