Giffoni, Gubitosi guarda al futuro: «Nel 2018 una serie animata sulle streghe di Benevento»

di Alessandro Mazzaro

Cala il sipario sul Giffoni Film Festival 2017 ed è tempo di bilanci per il direttore artistico della kermesse, Claudio Gubitosi. «È stato un anno difficile, anche per via di alcuni tagli ai finanziamenti - sottolinea Gubitosi - ma possiamo dire di avercela fatta. I nostri sacrifici sono stati ampiamente ripagati e niente è stato fuori posto». Nel mirino c'è già l'edizione 2018: «Per la prossima edizione avvieremo la nostra prima produzione: un serie animata dedicata alla streghe di Benevento.


L'obiettivo in vista del 2020 (edizione del cinquantennale) è far venire 300 giovani a lavorare qui ed in quell'occasione potremo affermare con forza che Giffoni è una bella storia italiana che stupisce il mondo». «Guardare al futuro»: questo il mantra del direttore artistico. «Molti miei colleghi di altri festival non hanno capito che i tempi sono cambiati e che si deve avere il coraggio di distruggere e costruire il nuovo - sottolinea - ringrazio il ministro Franceschini che ha inserito il Gff fra gli eventi cultuarli strategici per l'Italia. È il segno che lo Stato ci guarda con grande attenzione».

Per concludere, una stoccata: «Ma dove sono i privati? Quando si renderanno conto che siamo una più grande industria culturale del mondo? Abbiano necessità di investitori privati non di elemosine».
Sabato 22 Luglio 2017, 17:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP