Ambra Angiolini ai giurati del Gff: «Siete rari: questa è la magia del Giffoni»

di Alessandro Mazzaro

«Siete rari: questa è la magia del Giffoni» esordisce così Ambra Angiolini all’incontro con i giovani giurati del Giffoni Experience, tenutosi durante l’ottava giornata del festival. L’artista ha ritirato il Giffoni Experience Awards, premio in onore della sua intensa carriera nel cinema, in tv, in teatro e nella musica: «Penso che il mio lavoro abbia molto a che fare con la magia – ha dichiarato - in fondo è stato magico anche il mio inizio e anche la mia strada è continuata in maniera abbastanza fantasiosa, imprevedibile». 


L’attrice ha rivolto un ricordo a Non è la Rai, programma cult che ha dato lo slancio alla sua carriera e dal quale non è riuscita, suo malgrado, a staccarsi facilmente: «Sono molto felice, a 40 anni posso dire di essere libera. Devo dire che oggi mi stupisce, ma un tempo mi ha fatto soffrire parecchio – ha affermato - Quel programma ha segnato quegli anni e rispetto a quelli di oggi ha qualcosa di fiabesco». 
A chi le chiede cosa possa fare il cinema per la tutela dei diritti della comunità LGBT, Ambra risponde ricordando l'impegno quotidiano delle associazioni «che fanno delle cose gigantesche», come il circolo di cultura omosessuale Mauro Mieli, che ha frequentato per dieci anni. 
Il futuro per lei è rivolto al teatro: le piacerebbe dirigere una commedia teatrale, ma intanto sarà protagonista di «Terapia di coppia per amanti», pellicola di Alessio Maria Federici tratta dall'omonimo libro di Diego de Silva, che la vedrà al fianco di Pietro Sermonti e Sergio Rubini.
Sabato 22 Luglio 2017, 17:27 - Ultimo aggiornamento: 23 Luglio, 09:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP