Molestie, Weinstein avrebbe cercato di ottenere 25 milioni di dollari da Netflix: «Gli servivano per comprare il silenzio delle sue accusatrici»

Harvey Weinstein
di Giacomo Perra

Le avrebbe provate proprio tutte Harvey Weinstein per mettere a tacere lo scandalo sessuale che l’ha travolto. Dopo aver addirittura ingaggiato degli ex agenti del Mossad, il servizio segreto israeliano, in modo da rintracciare le donne molestate e far pressione su di loro affinché ritirassero le accuse contro di lui, lo scorso ottobre, quando la bufera stava per imperversare, per ottenere una bella sommetta e comprare il silenzio delle sue vittime, il fondatore della Miramax avrebbe bussato infatti anche alla porta di Netflix.
 
A sostenerlo è Page Six, che cita una fonte anonima secondo cui l’ex potente produttore avrebbe cercato di racimolare venticinque milioni di dollari provando a vendere all’azienda californiana i diritti di alcuni suoi film.
 
 


«Ovviamente - ha spiegato l’insider - Harvey non andò da loro chiedendo dei soldi. Gli parlò di un affare e della possibile cessione di una parte delle pellicole del suo catalogo. I vertici della compagnia, però, saggiamente rifiutarono».

Rilanciata dal Dailymail e da tantissimi media internazionali, l’indiscrezione è stata ignorata da Netflix, che ha scelto di non commentare, e smentita dai portavoce di Weinstein, che l’hanno definita «falsa» e «priva di senso».
 
Martedì 19 Dicembre 2017, 17:25 - Ultimo aggiornamento: 20 Dicembre, 10:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP