James Van Der Beek rivela: «Vittima di molestie all'epoca di Dawson's Creek»

James Van Der Beek, a destra, con la collega Michelle Williams
ARTICOLI CORRELATI
di Giacomo Perra

L’abbiamo conosciuto poco più che ventenne in una delle serie tv più popolari degli anni Novanta e Duemila. James Van Der Beek, l’indimenticabile Dawson di Dawson’s Creek, ora, però, è un uomo, un uomo che ha appena deciso di rivelare un brutto segreto relativo al suo passato. Il quarantenne attore statunitense, padre di quattro figli avuti dalla moglie Kimberly, ha infatti raccontato sul suo profilo Twitter di essere stato molestato quando era ragazzo.
“Alcuni uomini potenti - ha scritto sul suo account - mi tastarono il sedere. Inoltre da loro fui costretto a inappropriate conversazioni sessuali”.
 

Il post di Van Der Beek, che è stato subito sommerso da testimonianze di solidarietà e stima per la sua scelta di rendere pubblico quanto accadutogli, ha richiamato alla mente di molti il caso Harvey Weinstein (il potente produttore hollywoodiano accusato da molte attrici di violenze fisiche e psicologiche), un caso su cui lo stesso interprete di Dawson’s Creek ha voluto dire la sua.

“Ciò di cui è stato accusato Weinstein è un crimine. Applaudo chiunque abbia deciso di parlarne”, ha affermato l’attore, che poi ha aggiunto: “Capisco comunque l’immotivata vergogna, l’impotenza e l’inabilità a denunciare. Esiste una dinamica molto forte che sembra impossibile sconfiggere”.
 
 
Giovedì 12 Ottobre 2017, 14:38 - Ultimo aggiornamento: 12-10-2017 19:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP