«Il matrimonio al sud», l’ultima impresa di Casa Surace

2
  • 52
«Il matrimonio al sud», l’ultima impresa di Casa Surace; uno spaccato in chiave ironica su cosa significa sposarsi in Italia del sud. L’amore per la tradizione, gli inviti allargati, i tanti piccoli rituali legati alla preparazione della cerimonia,ma anche una carrellata di regole non scritte legate al fenomeno culturale più italiano che c’è. Partendo dalla promessa di matrimonio fino ad arrivare al grande giorno, l’occhio della regia di Casa Surace segue passo passo questa lunga saga all’italiana.



Una narrativa complessa, moltissime scene e il cast al completo, “Il matrimonio al sud” è ad oggi la produzione più lunga della factory. Antonella Morea nelle vesti della suocera, gli immancabili nonni a presidiare le tradizioni e i protagonisti di sempre nelle vesti degli amici degli sposi. «Il matrimonio è un cammino spirituale, ma non per la coppia. Per gli invitati!», spiega Daniele Pugliese, il Temerario di Casa Surace. «Conosco gente che non è stata più ritrovata dopo l’invito del matrimonio perché si è smarrita in qualche tappa o tra una portata e l’altra». Il matrimonio al sud non è la consacrazione di una coppia ma di tutto un paese, e come in ogni paese che si rispetti il ristorante diventa una vera e propria piazza dove parenti, amici lontani o di vecchia data si ritrovano. Il regista di Casa Surace, Simone Petrella, racconta l’esperienza che c’è dietro questo video.

«A volte si pensa che il matrimonio duri un giorno ma in realtà è un evento lungo quasi un anno, che prevede tante usanze poco note. È un tema per Casa Surace affascinante, volevamo raccontarlo da circa tre anni e ora c’è stata la maturità per farlo. Il matrimonio è uno stress, ma è anche un momento di grande condivisione… come i nostri video.»
Mercoledì 8 Agosto 2018, 15:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-08-08 16:37:27
Al Castello del Boss le cerimonie superano tutti e tutti... In cafarderia
2018-08-08 16:34:16
Divertente ma niente a vedere con quello della Jackal

QUICKMAP