Cecchi Gori ricoverato, lo sfogo dell'ex compagna Valeria Marini: «Vittorio lasciato solo da tutti»

di Gloria Satta

  • 636
Valeria Marini, per sei anni compagna di Vittorio Cecchi Gori, è stata la donna più importante del produttore dopo il tempestoso divorzio da Rita Rusic. Tra alti e bassi, litigate e riappacificazioni, la bionda sex symbol, oggi 50 anni, è rimasta accanto al suo uomo nella buona e soprattutto nella cattiva sorte: ha abitato con lui nel principesco appartamento di Palazzo Borghese tra fasti e successi, ma ha anche assistito al suo arresto nel 2008, lo ha difeso pubblicamente con le unghie e con i denti, lo ha sostenuto dopo il fallimento economico. Tanto importante era il loro legame che i due provarono anche ad avere un figlio, ma Valeria lo perse dopo qualche mese di gravidanza. L'altro ieri l'attrice e showgirl è stata tra i primi a sapere del ricovero del produttore e non ha perso tempo per dimostrare la propria vicinanza.
 

Aveva visto di recente Vittorio Cecchi Gori?
«Eravamo stati a cena qualche giorno fa, poi gli ho telefonato la notte di Natale per fargli gli auguri. Ma, trovando il cellulare spento, ho chiamato preoccupata il suo medico curante Antonio De Luca che gli sta sempre vicino».

E cosa le ha detto?
«Che Vittorio si era sentito male ed era stato ricoverato all'ospedale Gemelli. Mi sono spaventata ma poi ho pensato che in quell'ospedale è in ottime mani e il cuore mi dice, anche alla luce delle ultime notizie rassicuranti, che si riprenderà».

Ma lei è andata a trovarlo?
«Sì, di notte, per evitare di incontrare i paparazzi sotto l'ospedale. Lui era in terapia intensiva e ho parlato con il suo medico. Ci tornerò sicuramente nei prossimi giorni».
 
Dopo la fine della vostra storia, avete mantenuto buoni rapporti?
«Certo. Abbiamo continuato a vederci e sentirci. Ultimamente Vittorio non era in ottime condizioni di salute a causa del sovrappeso. Aveva anche un problema a un ginocchio. Ma aveva ricominciato a fare con entusiasmo il suo lavoro: aveva prodotto l'ultimo film di Martin Scorsese, Silence, e aveva altri progetti. L'ultima volta che l'ho visto era allegro, simpatico, fiducioso».

Ma in televisione, di recente, si era lamentato di essere rimasto solo. Insomma di aver un vuoto intorno a lui...
«È vero, tranne me e la mia famiglia lo avevano abbandonato tutti. Ma questo incidente di salute avrà un risvolto positivo: gli farà scoprire che tante persone gli vogliono bene. Da quando è stato ricoverato il mio cellulare non ha smesso di squillare, tutti vogliono sue notizie».

Cecchi Gori ha una nuova compagna, vive con qualcuno che lei sappia?
«Abita da solo nella casa dei genitori ai Parioli».

Pensa che si riprenderà?
«Siamo nelle mani di Dio, ma mi sento di essere ottimista. Mi incoraggia sapere che sia nelle mani più esperte, i medici hanno detto che ha superato il momento critico e spero tanto che migliori sempre più».

Chi è per lei il produttore?
«Una persona cara che ha bisogno di attenzioni e di aiuto. Io ci sono e ci sarò sempre, per lui. Vittorio merita tanto affetto».
Mercoledì 27 Dicembre 2017, 10:55 - Ultimo aggiornamento: 27-12-2017 17:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP