Naturisti, 5 paradisi da scoprire in Campania

di ​Ilenia De Rosa

1
  • 201
Nascosta da un costone di roccia e bagnata da un mare cristallino, rappresenta rifugio ideale per chi vuole trascorrere qualche ora in tranquillità e in perfetta sintonia con la natura. È la spiaggia del Troncone, a Marina di Camerota, dove nello scenario del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano è possibile vivere in totale libertà. Via il costume, gli abiti e le convenzioni. Le calette, avvolte dall’azzurro del mare e dal verde della vegetazione costituiscono, una delle mete preferite dai naturisti. Chi ama stare in contatto diretto con sabbia e mare sceglie questo piccolo angolo di paradiso per la riservatezza, le bellezze, il silenzio, il piacere di poter rimanere nudi con spontaneità. Quella del Troncone è l’unica spiaggia ufficialmente naturista del Sud Italia, autorizzata nel 2011 dal Comune, su richiesta dell’Unione naturisti della Campania. È un’ampia fetta di cala Finocchiaro, riservata a chi vuole vive lo stare nudo al mare come una filosofia di vita. Sull’arenile ciottoli, sassolini e sabbia grossa. Tre gli spazi in cui si può stare nudi in totale relax: anche per 150 bagnanti.

Ma in Italia, a differenza di paesi come Francia, Croazia e Germania, i naturisti restano un po’ nascosti. Nonostante siano tanti, più di un milione, non sono molti luoghi dedicati. Sono cinque le spiagge naturiste «autorizzate». Oltre a Marina di Camerota le altre porzioni di costa si trovano in Abruzzo (Lido di Morge a Torino di Sangro), Lazio (oasi di Capocotta a Lido di Ostia), Toscana (Nido dell’Aquila nel Parco naturale di Rimigliano e Acquarilli sull’isola d’Elba). In Campania ci sono anche altri luoghi, dove è consentito liberarsi da abiti e costumi, pur se non ufficialmente riconosciuti. Due in penisola sorrentina: Tordigliano e i Bagni della Regina Giovanna. La spiaggia di Tordigliano è un angolo di paradiso, appartenente al comune di Vico Equense, che si estende sul versante della costiera amalfitana ed è composta da una lunga distesa di ciottoli, delimitata da imponenti rocce calcaree, bagnata da un mare sempre cristallino. Il verde delle montagne alla spalle contribuisce a rendere il luogo particolarmente affascinante; la sua lontananza da strade carrabili lo rende «intimo» e poco frequentato.

Anche a Sorrento, presso i Bagni della Regina Giovanna, la natura predomina in tutto il suo splendore. Il tratto riservato a chi pratica il naturismo è quello successivo al lido La Solara, sulla cui scogliera si può stare nudi in totale tranquillità e godersi l’incantevole panorama della penisola. Altri luoghi amati dai naturisti si trovano sulle isole; tra questi gli Scogli di Zaro, a Ischia, nel comune di Forio; per raggiungerla è necessario percorrere una stradina campestre e un’area fatta di scogli dove non è semplice il passaggio. A Capri, invece, poco distante da Marina piccola, si trova la spiaggia di via Krupp, ricoperta da un tappeto di ciottoli e immersa in uno scenario mozzafiato.
Sabato 19 Agosto 2017, 13:49 - Ultimo aggiornamento: 19-08-2017 16:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-08-19 21:47:26
Ho letto l'articolo riportato sopra che elenca alcune spiagge italiane frequentate dai naturisti. Certamente ce ne sono anche altre ma mi preme segnalare anche la più frequentata d'Italia che iniziò nel lontano 1977 con i primi naturisti e che sino al 2010 si stendeva su oltre 2000 mt di spiaggia in lunghezza nella località detta della “Bassona” nel comune di Ravenna. Questa spiaggia ospita ancora un migliaio di presenze giornaliere ma, ritengo anche che con il letargo delle associazioni naturiste presenti, ora la spiaggia disponibile si sia ridotta a meno di 400 mt. sino a fine luglio. Abbiamo avuto dal 2006 il sindaco di Ravenna antinaturista ed altre autorità ma il naturismo praticato in zone conosciute non è reato come numerose sentenze hanno sancito e noi naturisti della Bassona abbiamo sempre ottenuto archiviazioni o vittorie quando siamo andati davanti ai magistrati. Fidenzio Laghi ex presidente Associazione Nudista Emiliano Romagnola sino al 2001

QUICKMAP