Vinicio Marchioni si iscrive all'università: «L’unica guerra che riconosco è quella contro l’ignoranza»

Vinicio Marchioni si iscrive all'università: «L’unica guerra che riconosco è quella contro l’ignoranza di questo paese»
Vinicio Marchioni torna all'università. Il Freddo di Romanzo Criminale si è iscritto alla facoltà di Lettere di Tor Vergata e ha postato su Instagram una foto del suo libretto. Marchioni ha spiegato di credere ancora nello studio e nella specilizzzione, quale unica via per diventare veri professionisti. L'attore ha scritto: «L’unica guerra che riconosco è quella contro l’ignoranza di questo paese. E la combatto anche così. In culo a chi ci ha voluto fare credere negli anni che le lauree sono inutili. Inutile è la violenza, inutile è la chiusura, inutile è un’esistenza senza domande».
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

L’unica guerra che riconosco è quella contro l’ignoranza di questo paese. E la combatto anche così. In culo a chi ci ha voluto fare credere negli anni che le lauree sono inutili. Inutile è la violenza, inutile è la chiusura, inutile è un’esistenza senza domande. Chi vuole si tenga le proprie certezze (che poi magari fossero davvero frutto di un pensiero personale), io so di non sapere. E quindi studio. E studio nel mio settore, perché sono un professionista che lavora ai massimi livelli, nazionali ed internazionali, e quindi devo perfezionare la mia ricerca, i miei strumenti, le mie conoscenze in merito al mio mestiere. Si chiama specializzazione, negli altri paesi la rispettano, la pagano, la pretendono. Qui sembra che tutti possono fare tutto e niente ha più valore, in tutti i settori. Ecco, a sta cosa io non ci credo. Ma forse è anche per via dell’età. -42 crediti alla Laurea.

Un post condiviso da Vinicio Marchioni (@vinicio_marchioni) in data:


«Chi vuole si tenga le proprie certezze (che poi magari fossero davvero frutto di un pensiero personale), io so di non sapere - prosegue Marchioni - e quindi studio. E studio nel mio settore, perché sono un professionista che lavora ai massimi livelli, nazionali ed internazionali, e quindi devo perfezionare la mia ricerca, i miei strumenti, le mie conoscenze in merito al mio mestiere. Si chiama specializzazione, negli altri paesi la rispettano, la pagano, la pretendono. Qui sembra che tutti possono fare tutto e niente ha più valore, in tutti i settori. Ecco, a sta cosa io non ci credo. Ma forse è anche per via dell’età. -42 crediti alla Laurea».
Giovedì 11 Ottobre 2018, 16:29 - Ultimo aggiornamento: 11-10-2018 18:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP