Troppo grasso per essere un donatore, papà perde 50 chili per poter aiutare il figlio malato

di Alessia Strinati

Il figlio aveva bisogno di un rene e il suo era compatibile ma a causa del peso eccessivo l'intervento non poteva essere effettuato. È stato per questo che Barry Stokes, un papà di 61 anni del Lancashire, in Gran Bretagna, ha perso 51 chili.

L'uomo ha visto il figlio soffrire tremendamente a causa dei continui cicli di chemioterapia a cui si doveva sottoporre, ma le cure per il cancro hanno affaticato i reni fino a rendere indispensabile un trapianto. Barry si è offerto come donatore, ma per i medici era troppo grasso e il peso avrebbe messo a rischio la buona riuscita dell'intervento. Il papà, che pesava 130 chili, si è subito messo a dieta perdendo 50 chili e guadagnando la forma necessaria per poter essere operato.



Al figlio Alan è stato diagnosticato un raro cancro in adolescenza. Per i dottori aveva pochi mesi di vita, ma il ragazzo oggi ha 32 anni ed è riuscito a laurerasi e a fare la sua vita. I cicli di chemio però hanno duramente provato il suo fisico, ma il papà è riuscito a superare se stesso e rimettendosi in forma oggi è il donatore ideale. «Sono in attesa che mi chiamino per l'operazione», ha dichiarato Barry al Daily Mail, «Non mi sarei mai potuto perdonare se a mio figlio fosse successo qualcosa, anche se indirettamente, per colpa mia».
Giovedì 12 Aprile 2018, 16:55 - Ultimo aggiornamento: 12-04-2018 18:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP